1 Marzo 2024

Dopo 50 anni scopre il padre naturale e gli chiede 4 milioni

Correlati

Tribunale di RavennaSono passati quasi 50 anni da quando per la prima volta la madre le indicò chi era il suo vero padre a quando il Tribunale di Ravenna ha accertato dal Dna che era davvero così, con probabilità vicina al 100%. Ora la donna, un’operaia ravennate 56enne, ha citato l’uomo, un imprenditore oggi ultrasettantenne, chiedendo 4 milioni tra danni patrimoniali e non, per via del tenore di vita negatole, sebbene fosse la figlia naturale.

Nell’atto di citazione, come riportato dal Resto del Carlino, sono state messe in evidenza le condizioni di indigenza che hanno caratterizzato l’infanzia della figlia e quelle di agio del padre naturale. L’uomo e la madre si erano conosciuti quando questa aveva 16 anni.

La donna rimase incinta quasi subito, ma diventata maggiorenne – prosegue la citazione – lui si allontanò senza avere riconosciuto la figlia. A sei anni la bimba aveva saputo chi era il padre e a 16 aveva iniziato a cercarlo. Solo di recente ha avviato l’iter per farsi riconoscere e poi chiedere i danni.

Fonte:Ansa

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Potrebbero interessarti

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Da Israele nuovo massacro a Gaza. Uccisi oltre cento palestinesi in coda per il cibo

Nuova carneficina dell'esercito israeliano nella Striscia di Gaza. Oltre cento palestinesi sono stati uccisi mentre erano in fila per...

DALLA CALABRIA

Traffico di rifiuti speciali tra Italia e Tunisia, numerosi arresti

Dalle prime ore di questa mattina, nelle province di Napoli, Salerno, Potenza, Catanzaro, personale della Direzione investigativa antimafia e...

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)