27 Febbraio 2024

Serie A, la Juventus è campione d’Italia. Ottavo scudetto consecutivo

Con 5 giornate d'anticipo i bianconeri conquistano l'ennesimo tricolore. Ronaldo CR7 superstar in un campionato pieno di emozioni. "Smaltita" la delusione Champions

Correlati

Quattro giorni dopo la delusione Champions, la Juve fa festa con lo scudetto, l’ottavo di fila e il suo n.35 dell’albo d’oro del calcio italiano. La certezza matematica, a cinque giornate dalla fine del campionato, arriva grazie alla vittoria sulla Fiorentina per 2-1, ma per lunghi tratti lo Juve Stadium ha temuto l’incubo: partenza sprint dei viola, gol di Milenkovic, occasioni in contropiede per il raddoppio, palo di Mirillas, Juve in grande difficoltà e pubblico ammutolito mentre gli ultrà tengono gli striscioni rivoltati in segno di protesta; poi il gol di testa di Alex Sandro nel finale di primo tempo scaccia le paure, fino all’autogol decisivo di Pezzella e la festa bianconera.

Juve infinita, l’ottava meraviglia è senza rivali – Un campionato vinto in carrozza, l’ottavo di una serie che sembra infinita. La Juventus con Cristiano Ronaldo in più nel motore era strafavorita al successo finale e il suo regno sulla serie A non è mai stato minacciato. Quasi una noia al vertice: il vantaggio è diventato incolmabile già alla fine del girone di andata, nonostante gli sforzi del Napoli per restare in corsa. E al 20 aprile, con 5 giornate di anticipo, eguagliando il record del Grande Torino e poi di Fiorentina e Inter, è arrivata anche la certezza aritmetica che nessuno avrebbe più potuto raggiungere la squadra di Allegri.

Premiato lo strapotere fisico e tecnico dei bianconeri ma anche la gestione del tecnico livornese di una rosa di altissima qualità dove l’arrivo di una primadonna come CR7 avrebbe potuto alterare qualche equilibrio. Era il primo anno senza Buffon, ma a conti fatti nessuno se ne è accorto, e anche se Dybala si è dovuto rassegnare al ruolo di ‘tuttocampista’, fermando quell’esplosione che un anno prima aveva fatto accostare il suo nome ai big, la Juventus di CR7 è stata un rullo compressore.

Partenza sparata, con 8 vittorie consecutive, creando una frattura già incolmabile dopo l’affondo nello scontro al vertice, 3-1 sul Napoli all’ottava giornata.

Ronaldo: “Resto a Torino”
“E’ stata una grande stagione, non è andata bene in Champions ma il prossimo anno sarà migliore. Se resto? Al Mille per cento!”: Cristiano Ronaldo celebra lo scudetto con la Juventus rassicurando i suoi tifosi sul suo futuro, che sarà ancora bianconero. “Sono molto contento per aver vinto il titolo alla mia prima stagione in Italia con la Juventus”, aggiunge ai microfoni di Dazn l’attaccante portoghese.

Allegri: “questo scudetto ha valore importante”
“Questo scudetto ha un valore importante, nonostante i punti di vantaggio è stato difficile, vincere non è mai semplice”: Massimiliano Allegri racconta così l’ottavo scudetto consecutivo della Juventus, il quinto per lui in altrettante stagioni sulla panchina bianconera. “Abbiamo avuto tanti infortunati e, di conseguenza, abbiamo lavorato meno del solito”, spiega il tecnico, che chiede alla sua squadra di “migliorare dal punto di vista psicologico: gli imprevisti vanno saputi gestire, bisogna giocare con totale serenità”.

CR7: festa con schiuma in testa e canta
Al fischio finale dell’arbitro Pasqua, tutta la squadra bianconera si è riunita in cerchio in mezzo al campo saltellando. A Cristiano Ronaldo un compagno ha spruzzato schiuma bianca in testa e con una cresta sul capo ha sorriso canticchiando l’inno della Juventus. Sono poi saltati fuori i magnum di spumante con cui Pjanic, Chiellini e il terzo portiere Pinsoglio hanno irrorato Massimiliano Allegri, lo staff e la squadra.

Bonucci, ottavo scudetto è cosa unica
“E’ stato un anno duro, ma l’ottavo scudetto di fila è qualcosa di veramente unico. Guardiamo avanti, cresceremo ancora”. Leonardo Bonucci festeggia con gli occhi lucidi lo scudetto conquistato questa sera grazie alla vittoria sulla Fiorentina. “Per martedì dispiace, è stato un evento negativo – dice tornando all’eliminazione dalla Champions – Volevamo arrivare in fondo e non ci siamo riusciti. Oggi abbiamo messo in campo la rabbia della delusione e l’abbiamo trasformata in energia per conquistare l’obiettivo”.

Questa sera il difensore, tornato la scorsa estate dopo la stagione al Milan, aveva la fascia da capitano al braccio. “Nella testa dobbiamo crescere e gestire meglio le partite e le situazioni che ci riserva ognuna di esse – conclude -. Abbiamo una grande società e un grande gruppo, non ci resta che migliorare”.

Chiellini, cresceremo con Ronaldo
“Cresceremo ancora, di sicuro, qui c’è una grande società e un grande gruppo. E Ronaldo, che, con grande umiltà, ogni giorno ci permette di migliorare, di carpire i suoi segreti”. Così Giorgio Chiellini, capitano della Juventus, oggi assente per infortunio. (Ansa)


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Potrebbero interessarti

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Stoltenberg smentisce Macron: “La NATO non ha intenzione di inviare truppe in Ucraina”

Il presidente francese non aveva escluso questa ipotesi. Ira di Le Pen. Contrari i paesi dell'Est. Il primo ministro slovacco Robert Fico aveva dichiarato che alcuni membri dell’UE e dell'Alleanza atlantica stanno valutando la possibilità di inviare truppe militari nel paese di Zelensky sulla base degli accordi bilaterali con Kiev. Mosca osserva

DALLA CALABRIA

Truffa e peculato, interdette 4 persone, tra cui un medico e 2 infermieri

Operazione di carabinieri e finanzieri. Coinvolto anche un imprenditore del cosentino. Secondo la procura di Catanzaro avrebbero sottratto dispositivi medici e farmaci all'azienda ospedaliero universitaria "Dulbecco" per scopi privati

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)