Riciclaggio di autovetture nel Vibonese, 6 condanne e assoluzioni

Carlomagno

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta.

SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE
 
SEGUICI SUI SOCIAL
Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Sei condanne e 19 assoluzioni. Si conclude così in Tribunale a Vibo Valentia il processo nato dall’operazione denominata “Apate” scattata il 5 ottobre 2020 e che mirava a far luce su una serie di furti in abitazioni e sul riciclaggio di autovetture nel Vibonese.

Queste le condanne: 6 anni e 8 mesi nei confronti di Gerardo Accorinti, di Tropea; 4 anni e 6 mesi Salvatore Carone, di Tropea; 2 anni e 6 mesi Aldo Mangialavori, di Rombiolo; 3 anni e 8 mesi Antonio Paparatto, di Ricadi; 4 anni Francesco Pititto, di Rosarno; un anno (pena sospesa) Silvana Zaccaro, 58 anni, di Tropea.

Tra le accuse anche quella dell’associazione a delinquere finalizzata a commettere una serie indeterminata di furti, ricettazione e riciclaggio di auto o pezzi di autovetture con i singoli furti avvenuti a Tropea, Ricadi, Joppolo, San Calogero e Filandari sin dal settembre del 2018. L’accusa della Procura di Vibo non ha però retto per 19 imputati che sono stati assolti dal Tribunale collegiale.