Telefonini introdotti nel carcere di Cosenza, decine di indagati

Carlomagno

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta.

SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE
 
SEGUICI SUI SOCIAL
Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

carcere di cosenza

Sono una cinquantina le persone indagate dalla Procura della Repubblica di Cosenza per un ‘giro’ di telefoni cellulari che sarebbero stati introdotti nel carcere cittadino tra l’ottobre del 2022 e giugno 2023 per consentire ai detenuti di comunicare con l’esterno.

Secondo quanto riporta l’Ansa la Procura, che ha notificato l’avviso di conclusione indagini, avrebbe fatto luce su 61 episodi che vedono coinvolti anche alcuni dei familiari delle persone recluse nell’istituto penitenziario.

Tra le persone indagate, oltre ad alcuni boss di ‘ndrangheta, c’è anche Nicola Campolongo, padre del piccolo “Coco” il bimbo ucciso e dato alle fiamme all’interno di un’auto dove si trovava insieme con il nonno Giuseppe Iannicelli e la compagna marocchina dell’uomo Ibis Taoussa nel gennaio 2024 a Cassano allo Ionio.