L’A3 completata dopo 50 anni di attese, sprechi e ‘ndrangheta

La nuova A3 Salerno Reggio Calabria
La nuova A3 Salerno Reggio Calabria

Dopo oltre 50 anni, i lavori dell’Autostrada Salerno-Reggio Calabria sono stati completati. Alle 16.30 al Castello di Altafiumara a Villa San Giovanni (Reggio Calabria) il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni è intervenuto alla cerimonia. Una cerimonia sobria, senza tagli di nastri.

“Oggi dichiariamo guerra al luogo comune della Salerno-Reggio Calabria, uno dei luoghi comuni forti del nostro Paese. E lo facciamo con sobrietà”, ha detto Gentiloni. “Dobbiamo un ringraziamento al ministro dei trasporti
Graziano Delrio come lo dobbiamo fortissimo a Matteo Renzi, che in questi due anni ha lavorato, insistito e martellato perché a una giornata come oggi si riuscisse ad arrivare. Ringraziamo i cittadini per la pazienza”, ha aggiunto Gentiloni, prendendo in prestito il titolo del regista Troisi: “A loro dico ‘Scusate il ritardo’ e credo che dobbiamo dirlo sinceramente nel momento in cui questo ritardo viene colmato”.

Il presidente dell’Anas ha detto che l’arteria, super tecnologica, si chiamerà Autostrada del Mediterraneo. Fortemente soddisfatto l’ex premier Matteo Renzi che aveva promesso la consegna dell’opera riammodernata per giovedì 22 dicembre 2016.

“Dieci mesi fa – scrive Renzi su Facebook – i giornalisti della stampa estera si misero a ridere. Avevo appena annunciato che la Salerno – Reggio Calabria sarebbe stata inaugurata il 22 dicembre 2016. Grazie al lavoro del Ministero, dell’Anas, dei tecnici e degli straordinari lavoratori questo impegno domani diventerà realtà. Sono felice per gli utenti di questa travagliata strada.

“Ma sono felice soprattutto perché ridere CON gli italiani è bellissimo. Ma ridere DEGLI italiani, No. Un abbraccio affettuoso a chi ha riso di noi: domani non avranno motivo per farlo. E ricordiamoci che l’Italia ha mille difetti. Ma è comunque il Paese più bello del mondo. E non dobbiamo permettere a nessuno di riderle dietro. Viva l’Italia”, ha concluso l’ex premier.

BREVE STORIA DELL’A3 SALERNO REGGIO CALABRIA – I lavori per la realizzazione dell’autostrada partirono il 21 gennaio 1962 sotto la Presidenza di Amintore Fanfani. L’Autostrada Salerno-Reggio Calabria rappresenta la principale dorsale di collegamento per il Sud Italia e per la Sicilia. Il tracciato dell’autostrada A3, di estensione complessiva di 443 km, attraversa i territori della Campania (km 118), della Basilicata (km 30) e della Calabria (km 295) e le province di Salerno, Potenza, Cosenza, Catanzaro, Vibo Valentia e Reggio Calabria.

L’A3 Salerno-Reggio Calabria ha un tracciato prevalentemente di montagna, che prevede 190 gallerie e 480 tra ponti, viadotti e cavalcavia. Lungo l’itinerario sono presenti 52 svincoli.

infografica della Salerno-Reggio Calabria
Infografica della Salerno-Reggio Calabria

Durante il Governo Renzi è stato abbattuto l’ultimo diaframma della Galleria Mormanno Nord in data 10 marzo 2016 ed è stato inaugurato, il 26 luglio 2016, il viadotto Italia. A ottobre 2016 è stato completato lo scavo del tunnel, con l’abbattimento dell’ultimo diaframma in entrambe le carreggiate (prima la canna Nord, successivamente la Sud).

Decenni di false promesse, lunghe attese, corruzione e la ‘ndrangheta che controllava ogni chilometro, disse il magistrato antimafia Nicola Gratteri, oggi procuratore di Catanzaro. L’A3 è stato un affaire costato ai contribuenti italiani miliardi di euro, oltre agli enormi disagi dovuti a cantieri a cielo aperto, spesso d’estate che provocavano code lunghe chilometri per raggiungere la Sicilia o semplicemente per recarsi in Sila o al mare in Calabria. Era stata definita la più grande incompiuta, oggi è una realtà tra le migliori d’Europa. Era è resterà gratis.