Cosenza, beneficia dell’assegno sociale ma abita in Venezuela, denunciato

guardia di finanzaLa Guardia di finanza del comando provinciale di Cosenza ha sequestrato beni per un valore di circa 100.000 euro a una persona che, omettendo di comunicare all’Inps la sua emigrazione in uno stato estero, ha percepito indebitamente assegni sociali a favore di cittadini in difficoltà economiche che abbiano compiuto 65 anni e siano residenti stabilmente in Italia.

In particolare i finanzieri, analizzando posizioni sospette, hanno smascherato una persona di fatto emigrata in America Latina che, tuttavia, risultava fittiziamente residente in un comune dell’Alto Tirreno cosentino.

I controlli hanno permesso di appurare che il beneficiario degli assegni sociali, al compimento dei 65 anni, era rientrato volutamente in Italia dal Venezuela per richiedere la provvidenza, era restato nel nostro Paese per pochi mesi al fine di acquisire una residenza “ad hoc”, e aveva presentato all’Inps la documentazione occorrente per l’ottenimento del beneficio.

Tutto apparentemente in regola, ma raggiunto lo scopo ed ottenuto il riconoscimento dell’assegno sociale, l’uomo è ripartito per l’estero per fare ritorno nel Paese dell’America Latina.

Per tale motivo è stato denunciato all’autorità giudiziaria per truffa continuata, in quanto di fatto ha aggirato i requisiti richiesti dalla legge 335/1995 per ricevere specifici contributi erogati dall’Inps ossia la dimora effettiva sul territorio nazionale.

L’attività investigativa delle Fiamme Gialle ha consentito, innanzitutto, di bloccare l’erogazione indebita ma, soprattutto, ha portato al sequestro preventivo su disposizione del Giudice per le Indagini preliminari, di una serie di beni, di valore equivalente alle somme illecitamente percepite.