‘Ndrangheta, sequestrati beni a presunto affiliato clan di Sinopoli

'Ndrangheta, sequestrati beni a presunto affiliato clan di SinopoliBeni per circa 500 mila euro sono stati sequestrati dai carabinieri di Reggio Calabria e del supportati dai colleghi del gruppo di Gioia Tauro, a Giorgio Violi, 41enne di Sinopoli, ritenuto appartenente alla cosca di ‘ndrangheta “Alvaro-Violi-Macri”, operante a Sinopoli. Il provvedimento è stato emesso dalla Sezione misure di prevenzione del Tribunale di Reggio Calabria.

Il provvedimento proposto dalla locale Dda, sulla scorta delle risultanze investigative patrimoniali che hanno consentito di accertare illecite accumulazioni patrimoniali in beni immobili (tutti dislocati nel comune di Sant’eufemia di Aspromonte) e prodotti finanziari.

In particolare, sono stati sequestrati 2 terreni agricoli da 7 ettari ciascuno e conti correnti, libretti di deposito, titoli, azioni, obbligazioni e quote azionarie riconducibili al destinatario della misura patrimoniale ed a soggetti appartenenti al suo nucleo familiare. I beni sottoposti a sequestro sono stati affidati, per la custodia e per l’ordinaria amministrazione, ad un custode giudiziario nominato dal Tribunale di Reggio Calabria.