Tirocinanti protestano contro la Regione: “Preoccupati per futuro”

Carlomagno Fiat City Car elettrtica Maggio 2021
Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM
protesta ex tirocinanti
Archivio

Oltre trecento ex percettori di mobilità, oggi tirocinanti presso vari enti locali della Calabria, hanno tenuto martedì mattina una manifestazione di protesta davanti la sede della Regione. I tirocinanti, in particolare, hanno denunciato il mancato pagamento di due mensilità nell’ambito di un primo bando, concluso lo scorso mese di gennaio, e hanno sollecitato l’attuazione di un secondo bando per la loro ricollocazione negli enti pubblici e privati della Calabria per un anno, prorogabile di un altro anno: l’inizio di questo bando era stato previsto per il mese di marzo.

Ad effettuare l’odierno sit-in davanti la Regione è stato un comitato autonomo sindacale, aderente alla sigla Csa-Fiavel confederata con la Cisal e rappresentativo di un migliaio dei oltre 4.000 tirocinanti calabresi. Tra le varie rivendicazioni, i tirocinanti hanno chiesto alla Regione l’attivazione di un bacino di tutela e garanzie sul loro futuro occupazionale.

SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

I tirocinanti sono stati ricevuti dal Presidente della Regione Calabria Mario Oliverio, dall’Assessore regionale al Lavoro Angela Robbe, dal Dirigente generale del Dipartimento Fortunato Varone e dal dirigente di Settore Roberto Cosentino in merito alla situazione del bando percettori rivolto a Comuni e imprese. All’incontro erano presenti anche il Presidente della Provincia di Cosenza Franco Iacucci e alcuni sindaci calabresi. Dal Dipartimento è stato illustrato lo stato dell’arte del lavoro svolto finora per arrivare alla definizione della graduatoria che sarà pubblicata a giorni”.

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM