Lamezia Terme, arrestato un giovane socialmente pericoloso

Carlomagno Jeep agosto 18
Ottavio Stranieri
Il giovane arrestato Ottavio Stranieri

Un giovane lametino di 24 anni, Ottavio Stranieri, residente a Pianopoli, con piccoli precedenti, è stato arrestato dai Carabinieri della Compagnia di Lamezia Terme con l’accusa di detenzione e porto abusivo di materiale esplodente, ricettazione, resistenza a pubblico ufficiale, lesioni personali gravi e danneggiamento, riconducibili nello specifico a tre episodi dei quali il giovane sarebbe stato individuato quale responsabile.

Le indagini culminate con la misura di custodia cautelare in carcere, emessa dal locale Tribunale, scaturisce da una lunga serie di approfondimenti investigativi sul suo conto svolti dai militari di Pianopoli con la collaborazione del Gruppo della Guardia di Finanza di Lamezia Terme. Nel provvedimento, emerge la personalità di Stranieri che sarebbe caratterizzata da “spiccata aggressività”.

Iniziando dalla notte del 5 giugno del 2017, allorquando l’indagato, “al fine di incutere pubblico timore”, collocava e faceva esplodere un ordigno esplosivo di fattura artigianale nei pressi di alcuni cartelloni pubblicitari lungo una via di Pianopoli, totalmente incurante di possibili rischi per l’incolumità di eventuali passanti.

Da un’attenta analisi del sistema di videosorveglianza cittadino e da approfondimenti investigativi i militari sono giunti all’identificazione di Stranieri quale presunto autore del gesto.

Successivamente, il giovane veniva trovato in possesso di una motocicletta rubata nel Comune di Feroleto Antico. Secondo l’accusa, la pericolosità dello Stranieri emerge infine nell’ultimo evento risalente al 18 dicembre 2017 quando il giovane con una Toyota Yaris non si è fermato a un posto di blocco dei finanzieri innescando lungo inseguimento per le vie trafficate di Lamezia Terme.

Alla guida dell’utilitaria sempre il ragazzo che, per guadagnare la fuga, speronava il mezzo militare e poi effettuava una serie di manovre pericolosissime che portavano la pattuglia a collidere con un altro veicolo.

Alla luce delle risultanze investigative inerenti i citati eventi delittuosi connotati da condotte particolarmente gravi ed allarmanti, Ottavio Stranieri è stato ammanettato e condotto presso il carcere di Catanzaro.