Regionali in Calabria, quattro sfidanti per la poltrona di governatore

Sono Jole Santelli, candidata del Centrodestra, Francesco Aiello, del M5s, il civico Carlo Tansi e Pippo Callipo, per il Centrosinistra


Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM

Sono Jole Santelli, candidata del Centrodestra, Francesco Aiello, del M5s, il civico Carlo Tansi e Pippo Callipo, per il CentrosinistraSono quattro i candidati alla carica di presidente della Regione Calabria alle elezioni di domenica 26 gennaio. Il centrodestra schiera la deputata e coordinatrice regionale di Forza Italia Jole Santelli, che può contare sul sostegno di sei liste: oltre a Fi, Fdi, Lega, Santelli presidente, Udc, Cdl. Sul fronte opposto, il centrosinistra presenta il candidato civico Pippo Callipo. L’imprenditore del tonno è sostenuto dalla sua lista “Io resto in Calabria” alla quale si è aggiunto il Pd ed un’altra lista espressione delle forze di centrosinistra, “Democratici e progressisti”.

A completare il quartetto, ci sono il candidato civico del Movimento 5 Stelle, il docente dell’Università della Calabria Francesco Aiello, che può contare anche sull’appoggio della lista “Calabria Civica”, ed il ricercatore del Cnr ed ex capo della Protezione civile regionale Carlo Tansi, sostenuto da “Tesoro Calabria”, “Calabria Pulita” e “Calabria Libera”.

Elezioni sulle quali pesa l’incognita dell’astensionismo che già nel 2014 raggiunse cifre record, con un’affluenza al voto che raggiunse solo il 44,10% degli aventi diritto.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM