Rubano auto e non si fermano all’Alt dei CC, presi dopo un inseguimento

Protagonisti due giovani catanzaresi che dopo aver rubato un veicolo scorazzavano per Davoli. Un militare stava per essere investito e per fermarli ha esploso un colpo di pistola alla ruota.


Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM

Inseguimento

I Carabinieri di Davoli Marina hanno arrestato due persone di Catanzaro, P.D. (16enne) e B.A. (21enne), entrambi con precedenti, con l’accusa di furto aggravato in concorso.

Mentre i militari svolgevano un servizio di perlustrazione lungo la statale 106, incrociavano frontalmente un veicolo con fare sospetto, che subito riconoscevano come quello rubato poco prima a pochi chilometri di distanza dal luogo e segnalato dal legittimo proprietario che aveva visto i ladri allontanarsi con la propria autovettura.

I malviventi, alla vista dei militari, tentavano di invertire il senso di marcia per darsi alla fuga. Il capo equipaggio dell’Arma scendeva immediatamente intimando l’alt con la paletta di ordinanza.

I due giovani invece di fermarsi acceleravano come per voler investire il militare. Lo stesso, riuscendo a spostarsi in tempo per non essere investito, esplodeva un colpo con la pistola di ordinanza in direzione della ruota anteriore sinistra del veicolo, riuscendo così a fermare il veicolo ed a mettere in sicurezza i due malfattori.

I due giovani sono stati tratti in arresto in attesa del rito per direttissima che si terrà nella giornata di domani.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER