Il calabrese Luigi Sbarra eletto segretario nazionale della Cisl. Succede a Furlan

Carlomagno Panda Ibrid Luglio 2021
Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM

Il calabrese Luigi Sbarra è il nuovo segretario generale della Cisl. Lo ha eletto il Consiglio generale, riunito a Roma. Sbarra prende il posto di Annamaria Furlan, che lascia la guida del sindacato di via Po dopo quasi sette anni.

Sessantuno anni, nato a Pazzano, in provincia di Reggio Calabria, Sbarra il 28 marzo 2018 era stato eletto segretario generale aggiunto della Cisl. Oggi raccoglie il testimone da Furlan. In questi mesi di pandemia “abbiamo toccato il picco di oltre 9 milioni di persone in cassa integrazione e corriamo il rischio di perdere centinaia di migliaia di posti di lavoro nel 2021”, dopo “i quasi 500 mila” già persi nell’ultimo anno, afferma Sbarra nella relazione dopo l’elezione, indicando tra gli “obiettivi” da perseguire “nell’immediato la piena realizzazione del piano vaccinale e la proroga delle protezioni sociali, a cominciare dall’estensione del blocco dei licenziamenti, degli ammortizzatori e delle indennità Covid”.

“Il Governo è nella pienezza dei poteri. La squadra di ministri, viceministri e sottosegretari è completa. Ora, insieme, occorre rimboccarsi le maniche e aprire un confronto stabile con le forze sociali, per discutere di come affrontiamo nella condivisione e nella responsabilità sia l’emergenza che la prospettiva”. Così il nuovo segretario generale della Cisl nella relazione al Consiglio generale dopo la sua elezione: “Chiediamo subito l’apertura di una stagione di vera e rinnovata concertazione sui più importanti dossier economici, sociali e sanitari”. Quanto alle protezioni sociali, il fatto che “nelle linee programmatiche illustrate dal premier si faccia riferimento all’esigenza di difendere e proteggere ‘tutti i lavoratori’ è un segno importante, come pure lo è il forte accento messo sulla partita delle politiche attive e generative. Apprezziamo. Senza però innamorarci delle parole. Valuteremo e metteremo a verifica i fatti”, sottolinea Sbarra.

“Termina oggi questo tratto di strada compiuto assieme. Anni intensi, che hanno richiesto un impegno continuo”, sempre guidati dai “nostri valori: lavoro, persona, solidarietà, giustizia sociale”, ha affermato Annamaria Furlan al Consiglio generale del sindacato di via Po, riunito a Roma, che si è aperto con il ricordo di Franco Marini.

Furlan ripercorre le tappe, gli accordi, le manifestazioni ed i momenti più significativi di questi anni nella vita sindacale ma anche politica ed economica del Paese. “Il 2020 ci ha cambiato, in profondità e per sempre. Per questo dobbiamo ripensare il paradigma economico, sociale, ambientale. Ho avuto il privilegio e l’onore di guidare una grande organizzazione sindacale”, ha quindi sottolineato.

“La soddisfazione più grande oggi è candidare Luigi Sbarra a segretario generale della Cisl”, ha detto tra gli applausi della platea, aggiungendo di “passare il testimone in mani sicure” e rivolgendo il suo ringraziamento a tutto il sindacato. Furlan era stata eletta il 24 giugno 2014 segretaria generale aggiunta della Cisl e poi l’8 ottobre 2014 segretaria generale dal Consiglio generale. Il primo luglio 2017 il XVIII Congresso confederale l’aveva rieletta al vertice della Cisl.

Il consigliere regionale Anastasi: “Sbarra è la persona giusta”

“L’elezione di Luigi Sbarra a segretario generale della Cisl è il giusto coronamento di un percorso di impegno che lo ha visto in questi anni sempre ed intensamente al fianco dei lavoratori ed a sostegno della ‘causa’ del lavoro che garantisce a tutti condizioni di dignità e serenità”.

È quanto afferma il consigliere regionale Marcello Anastasi (capogruppo di ‘Io resto in Calabria) il quale sottolinea “il supplemento d’impegno cui sarà chiamato il nuovo segretario nell’attuale fase economica, momento fra i più difficili dal dopoguerra ad oggi”.

“È motivo d’orgoglio avere un calabrese, un reggino, alla guida della Cisl nazionale. Piglio deciso, grande determinazione e visione del futuro ne fanno l’uomo giusto al posto giusto. Sono certo che da questa nuova prestigiosa postazione – conclude Marcello Anastasi – Luigi Sbarra saprà dare un valido e fattivo contributo nelle grandi battaglie sindacali a difesa di diritti fondamentali e per la ricostruzione economica del Paese con uno sguardo attento anche al Mezzogiorno ed alla Calabria”.

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM