Giustizia: insediato il nuovo procuratore generale di Catanzaro

Carlomagno

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM
Il procuratore generale Giuseppe Lucantonio

Si è insediato stamani il nuovo procuratore generale della Corte d’Appello di Catanzaro, Giuseppe Lucantonio, già procuratore aggiunto di Napoli, nominato dal Plenum del Consiglio superiore della magistratura lo scorso settembre.

La cerimonia è stata presieduta dal presidente della Corte d’Appello Domenico Introcaso, a latere i presidenti di sezione Gabriella Reillo e Francesca Garofalo.

“Intendo esercitare il mio ruolo – ha detto Lucantonio – nel rispetto di tutti ma con fermezza e determinazione soprattutto facendo quello che è in mio dovere nei confronti di tutti. Sono onorato di servire la magistratura di Catanzaro e lo Stato a Caranzaro. Del resto sono anche figlio di madre calabrese quindi qualcosa della Calabria conosco, qualcosa sulla Calabria ho fatto nel mio passato, quando ero sostituto, per una serie di processi nei quali abbiamo trattato i collegamenti tra alcuni clan calabresi e napoletani”.

Il nuovo Procuratore generale ha espresso l’augurio di fare in modo che “questo distretto che è virtuoso rispetto a tanti altri lo diventi ancora di più. Io penso – ha aggiunto – che tutti lavori sono lavori di squadra per esempio il lavoro della Procura di Catanzaro è la testimonianza che una squadra di sostituti ben guidata può fare bene. E ha fatto molto bene. Poi, solo chi non fa non sbaglia”.

In merito agli Uffici del distretto, Lucantonio vi vede “persone molto semplici equilibrate che lavorano in silenzio e lavorano bene, a cominciare dal presidente Domenico Introcaso, all’avvocato generale, Nicola (si riferisce al procuratore Nicola Gratteri, ndr), il presidente del Tribunale. Sono tutti dei grandi lavoratori che lavorano in silenzio e cercano di fare tutto quello che possono. Queste sono le considerazioni di una persona che è arrivata da poco ma dall’esterno questo mi sembra, poi lo verificherò e ne riparleremo tra sei mesi”.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER