Auto incendiata a legale, arrestato presunto autore. Indagato anche un avvocato

Carlomagno

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM

I carabinieri hanno arrestato a Lamezia Terme un quarantacinquenne lametino, Matteo Gaetano, con l’accusa di essere stato il responsabile dell’incendio appiccato la notte del 3 novembre 2022, in via Trento, ai danni dell’auto Seat Cupra, di proprietà dell’avvocato Salvatore Cerra.

L’arresto è stato fatto dai militari della Compagnia in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip di Lamezia Terme su richiesta della Procura della Repubblica, diretta da Salvatore Curcio.

I carabinieri sono giunti all’identificazione di Gaetano partendo dalle immagini registrate del sistema di videosorveglianza in cui si vede una persona arrivare a bordo di un monopattino nei pressi dell’abitazione dell’avvocato Cerra ed appiccare l’incendio all’automobile del professionista, provocandone la distruzione. Le fiamme hanno anche danneggiato parzialmente un’altra auto parcheggiata nelle immediate vicinanze di quella dell’avvocato e la saracinesca di un negozio.

Le indagini dei carabinieri proseguono adesso per accertare il movente dell’incendio doloso e se Gaetano lo abbia messo in atto per conto proprio o su mandato di qualcuno. Secondo quanto appreso dall’Ansa, tra l’altro, nell’inchiesta della Procura di Lamezia che ha portato all’emissione del provvedimento restrittivo ci sono, oltre al quarantacinquenne arrestato, altri indagati.

C’è anche un altro legale tra gli indagati dell’inchiesta della Procura della Repubblica di Lamezia Terme che stamattina ha portato all’arresto di Matteo Gaetano, di 45 anni, accusato di essere stato l’esecutore materiale dell’incendio appiccato nel novembre scorso ai danni dell’automobile dell’avvocato Salvatore Cerra, provocandone la distruzione.

Le persone indagate per l’incendio sono in tutto cinque. Le indagini dei carabinieri proseguono per accertare il ruolo rivestito nella vicenda da ciascuno degli indagati. L’ipotesi investigativa che si sta seguendo è che Gaetano abbia messo in atto l’incendio su mandato dell’avvocato che risulta indagato per questioni di rivalità professionale e per motivi d’interesse.