Cosenza, “San Pio” in una scuola. Un bluff come la madonna di Rango?

Carlomagno Fiat City Car elettrtica Maggio 2021
Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM
L'immagine rinvenuta sul pavimento in una scuola di Cosenza
L’immagine rinvenuta sul pavimento in una scuola di Cosenza

Incredulità stamane nella scuola media Misasi di Via Negroni, a Cosenza, dove è stata “miracolosamente” scoperta una immagine sul pavimento che, secondo alcuni, raffigurerebbe San Pio da Pietralcina, il frate con le stimmate.

La “scoperta” è stata fatta da un dipendente del plesso. Nei giorni scorsi la mattonella “miracolata” non era stata notata dai bidelli che hanno il servizio delle pulizie nell’istituto. Sul pavimento della scuola, che nelle immagini appare sporco e divelto, si vedrebbe impressa il frate in ginocchio, col capo chino e le braccia conserte.

SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Alcuni gridano al “miracolo”, mentre altri temono invece sia una bravata di qualche alunno o di adulti. Se si tratti di un riflesso “mistico” o di uno scherzo di pessimo gusto si saprà presto dal momento che l’atrio scolastico dov’è stata rinvenuta la presunta effigie è videosorvegliata.

Il caso ha scatenato la curiosità di alunni, insegnanti e dirigenti che hanno scattato diverse fotografie. Sul posto sono giunte le forze dell’ordine e il parroco della vicina chiesa di San Aniello, mentre in un baleno la notizia ha fatto il giro della città. La mattonella è stata comunque coperta per rispetto religioso e consentire eventuali rilievi. Allertata anche la Curia cosentina.

I PRECEDENTI – L’episodio riporta alla mente l’ultimo “miracolo” di qualche anno fa in città: la statua della Madonna piazzata in via degli Stadi e, da quanto è emerso, “fatta piangere” da Maurizio Rango, noto esponente a capo dell’omonimo clan di ‘ndrangheta.

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM