Gemelle nate malformate a Cosenza, risarciti i genitori

Lo ha deciso il giudice di Cosenza che ha emesso una sentenza di condanna risarcitoria a carico dell’Ao bruzia pari a 3,6 milioni. Soddisfatti i legali Edoardo ed Emilio Greco


Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM
Avvocato Emilio Greco
L’avvocato Emilio Greco, difensore dei genitori delle gemelle

La loro vita, purtroppo, è segnata, ma quanto meno non avranno problemi economici le due gemelle di Bisignano, centro della provincia di Cosenza, nate nel 1995 con un grave ritardo mentale a causa di una tetra paresi spastica per l’accertamento della quale ci sarebbe stata una carenza da parte dei sanitari dell’ospedale civile di Cosenza.

Il Tribunale civile di Cosenza, con sentenza del giudice Elena Coppola, ha accolto la domanda di risarcimento dei danni proposta, in proprio e nella qualità di genitori, dal padre e della madre delle due gemelle, con l’assistenza legale degli avvocati cosentini Emilio ed Edoardo Greco.

Il giudice ha così emesso una condanna risarcitoria a carico dell’Azienda ospedaliera di Cosenza, pari a tre milioni e 600 mila euro. Dopo la conferma in appello, i genitori delle gemelle hanno accettato un accordo transattivo, l’ammontare del quale é coperto da riserbo, con l’Azienda ospedaliera, anche per evitare lungaggini e ritardi nella liquidazione del risarcimento.

“Dalla documentazione apparve evidente, purtroppo – affermano in una nota gli avvocati Emilio ed Edoardo Greco – che il monitoraggio ostetrico eseguito presso l’ospedale civile di Cosenza si rivelava del tutto carente, trascurato e inidoneo ad assicurare una gestione quanto più adeguata e sicura. Ne consegue che una corretta valutazione dei problemi fetali avrebbe dovuto condurre a scelte diverse per il prosieguo della gravidanza. Infatti la paziente non fu avvertita dei possibili rischi fetali, né furono adottate iniziative idonee ad un’assistenza più adeguata e intensiva della gravidanza stessa”, concludono i legali esprimendo soddisfazione per la decisione del giudice.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER