Trovato morto a Cosenza Dino Mazzei. Ucciso da un pirata della strada

Il 58enne era scomparso venerdì. Secondo i rilievi della Polizia, è stato investito da un'auto che si è poi dileguata. Indagini serrate per risalire all'autore dell'omicidio stradale


Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM
Trovato morto Dino Mazzei. Ucciso a Cosenza da un pirata della strada
Dino Mazzei

Omicidio stradale a Cosenza. Il corpo di un uomo di 58 anni, Dino Mazzei, è stato trovato senza vita nei pressi del ponte di Calatrava. L’uomo, era stato dato per scomparso venerdì scorso. La famiglia, non vedendolo rientrare, sabato ha fatto denuncia. Domenica la tragica scoperta.

Secondo i rilievi fatti dagli investigatori della Squadra mobile di Cosenza, il cinquantottenne sarebbe stato investito da un pirata della strada che poi è fuggito.

Nell’urto, il corpo di Dino Mazzei è stato scaraventato oltre il guardrail. Da un primo esame del medico legale il corpo presenta vistose ferite dovute all’impatto. Sul posto gli agenti di Polizia avrebbero anche recuperato alcuni frammenti di un’automobile sui quali sono in corso accertamenti per risalire al tipo di veicolo, al modello, quindi al proprietario.

L’uomo, disoccupato dopo un periodo di mobilità, era uscito nel pomeriggio per recarsi presso l’area commerciale. Alcuni testimoni, interrogati dalla Polizia, hanno riferito di averlo visto nel tardo pomeriggio in un negozio di Zumpano. Quindi Mazzei avrebbe fatto ritorno a casa a piedi, nel centro storico di Cosenza, dove viveva.

L’investimento è avvenuto lungo l’arteria che collega l’area commerciale di Zumpano alla città vecchia, in zona Gergeri, altezza Calatrava, quando Dino Mazzei si presume aveva già percorso circa un chilometro e mezzo dal centro commerciale.

La Procura di Cosenza ha disposto l’autopsia per stabilire con certezza la causa della morte. Acquisite anche le immagini delle telecamere di videosorveglianza.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM