Dalla Finanza di Cosenza capi d’abbigliamento sequestrati donati alla Chiesa per i bisognosi

Carlomagno

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM

I militari della Guardia di Finanza in forza alla Tenenza di Montegiordano (Cosenza) hanno attivato un’iniziativa di solidarietà per donare ai bisognosi, tramite Padre Giuseppe Cascardi
della Parrocchia “B.V. Maria del Rosario” di Montegiordano, oltre 100 capi di abbigliamento requisiti nel corso di varie operazioni a contrasto del commercio illegale di capi griffati.

I Finanzieri di Montegiordano hanno sottoposto a sequestro, principalmente durante i numerosi e costanti controlli del traffico veicolare sulla statale 106, ingenti quantitativi di merce (maglie, scarpe, giubbotti e giacche) in violazione alle leggi che tutelano i marchi, i brevetti e la sicurezza dei prodotti.

Gli articoli sequestrati, di norma destinati alla distruzione, grazie alla concessione della Autorità Giudiziaria di Castrovillari e dopo aver posto in essere le necessarie tutele per il loro riutilizzo, sono stati consegnati a Padre Giuseppe, in un breve ma intenso incontro presso la parrocchia e saranno presto distribuiti – tramite la Caritas – ai bisognosi che versano in stato di indigenza, residenti sul territorio dell’alto Jonio cosentino.

L’iniziativa delle Fiamme Gialle si pone nel variegato quadro del costante impegno del Corpo a favore della collettività ove, a fianco della lotta ad ogni forma di criminalità economica – finanziaria, trovano spazio diverse iniziative benefiche.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER