Studenti per una scuola pubblica di qualità: “No alla Dad”

Carlomagno Nuova Jeep Compass Aprile 2021

Un gruppo di studenti cosentini appartenenti al Fronte della Gioventù Comunista ha affisso cartelli nei luoghi simbolo di Cosenza per richiamare l’attenzione sulle difficoltà della didattica a distanza per molti loro compagni. La protesta è stata portata avanti dagli studenti che chiedono “una scuola pubblica di qualità, attraverso maggiori investimenti da parte dello Stato”.

“Ad un anno dallo scoppio della pandemia e dalla chiusura forzata delle scuole – scrivono in un comunicato stampa -, malgrado le numerose promesse fatte, gli studenti non hanno visto in alcun modo migliorare la propria condizione. I piccoli intervalli di riapertura, nelle forme della didattica mista, non hanno fatto altro che acuire il divario già manifestatosi nelle prime fasi della pandemia con i primi ricorsi alla Dad, precludendo agli studenti che seguono da casa la partecipazione attiva alle lezioni a causa di malfunzionamenti della linea scolastica e altre varie difficoltà. I problemi palesati ormai un anno fa rimangono gli stessi per una fetta larghissima della popolazione scolastica, che non può permettersi dispositivi e connessioni internet sufficientemente prestanti ed è irrimediabilmente lasciata indietro. I dati parlano chiaro, in Italia circa 34.000 studenti sono a rischio abbandono scolastico, numeri che aumentano esponenzialmente al sud, dove solo il 25% degli studenti è riuscito a seguire con costanza le lezioni online e dove una famiglia su tre non ha accesso ad internet a banda larga”.

Secondo gli studenti, “i disagi continuano anche nei turni in presenza, con mezzi pubblici sovraffollati, che mettono a serio rischio la salute degli studenti pendolari i quali, una volta in classe, devono ancora fare i conti con le pessime condizioni in cui versano gli istituti scolastici, che spesso li sottopongono al rischio di contagiarsi. La situazione descritta non è solo dovuta all’emergenza della pandemia come molti vogliono farci credere, ma è frutto di continui tagli alla scuola, perpetrati da tutti i governi che si sono susseguiti negli ultimi anni e delle continue riforme antipopolari, che hanno indirizzato l’istruzione pubblica verso una deriva aziendalistica”.

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb
Seguici anche su TELEGRAM