Colpisce una donna e la violenta più volte davanti alla figlia, in carcere

Carlomagno Panda Ibrid Luglio 2021
Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM

Polizia

Personale della Polizia di Stato, in servizio al Commissariato di Corigliano-Rossano e del Reparto prevenzione crimine Calabria settentrionale, hanno arrestato un cittadino extracomunitario di 43 anni per il reato di violenza sessuale aggravata consumata nei confronti di una donna di anni 27 e della figlia di 3 anni.

Gli agenti, impegnati nei servizi di controllo del territorio, nel transitare nella frazione Schiavonea agro di Corigliano-Rossano sono stati allertati dalle grida strazianti di aiuto di una donna sovrapposte al pianto di un bambino.

Sul luogo sono state immediatamente inviate unità di supporto. Localizzato il posto, un appezzamento di terreno antistante la via provinciale e le abitazioni vicine, il personale della Polizia di Stato ha bloccato l’individuo che era intento a consumare la violenza sessuale nei confronti della ventisettenne.

Particolare ancor più raccapricciante è che sul posto c’era anche un passeggino dove all’interno era seduta una bambina di circa tre anni terrorizzata e in lacrime.

Da subito la giovane donna ha raccontato l’incubo vissuto riferendo ai poliziotti di essere stata più volte violentata dall’arrestato che, dopo averla colpita alla testa con una pietra, con la forza l’ha conduceva nel terreno adiacente la strada.

La donna ha raccontato inoltre che il soggetto tentava di usare violenza anche sulla bambina, sferrandogli altresì uno schiaffo e scaraventandola a terra.

La malcapitata è stata trasportata unitamente alla figlia presso l’ospedale di Corigliano, dove le sono diagnosticate varie contusioni e abrasioni conseguenza delle violenze subite con prognosi di 8 giorni e rifiuto del ricovero.

L’arrestato, notiziato il pm di turno presso la Procura della Repubblica di Castrovillari, è stato tradotto in carcere a disposizione dell’A.G. inquirente.

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM