Sequestro beni per oltre 1,2 milioni a commissari del Consorzio di Bonifica

Carlomagno

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM

I militari del Nucleo Investigativo di Polizia Ambientale e Forestale di Cosenza coadiuvati dai colleghi delle Stazioni Carabinieri Forestale di Cosenza e Rogliano hanno in queste ore dato esecuzione ad un decreto di sequestro preventivo ai fini di confisca obbligatoria anche per equivalente emesso dal Tribunale di Cosenza per peculato a seguito di una sentenza di condanna a definizione del primo grado nei confronti di due persone, in qualità di commissari liquidatori del Consorzio di Bonifica Piana di Sibari e media Valle Crati.

I due, durante il loro operato, secondo l’accusa, si sarebbero appropriati di somme a loro non spettanti, oltre due milioni di euro, così come è emerso dalle indagini curate dal Nipaaf e dalla sezione di polizia giudiziaria dell’allora Corpo forestale dello Stato eseguite mediante attività di intercettazione e riscontro documentale.

Pertanto il Tribunale di Cosenza su, richiesta della locale Procura ha disposto il sequestro preventivo ai fini di confisca, delle somme di danaro rinvenute sui conti correnti bancari e postali, sui libretti di risparmio, sui depositi bancari dei due soggetti. Nello specifico si è provveduto al sequestro di diversi Immobili, terreni, azioni, fondi esteri e quote societarie degli imputati quantificabili complessivamente in Euro 1.276.896,03.