Cani e maiali allevati in cattive condizioni, sequestro e una denuncia


Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM

Venti cani e 18 suini, allevati in cattive condizioni, sono stati scoperti e sequestrati a Crotone dai carabinieri forestali che hanno denunciato un allevatore con l’accusa di maltrattamento di animali e diffusione di malattie infettive.

I militari, nel corso di un servizio di controllo nel territorio a Crotone hanno individuato, in località Iannello, un ricovero fatiscente con all’interno gli animali.

A seguito di un sopralluogo sono stati trovati 12 cani appartenenti a varie razze e otto cuccioli nati da poco. Solo quattro di essi era dotati di microchip identificativo. I cani, al momento dell’accertamento, non avevano tutti acqua e cibo a disposizione. Inoltre sono stati trovati anche 18 maiali, di cui sei lattonzoli.

Tutti i box dell’allevamento, realizzati con reti metalliche lamiere arrugginite e materiali di fortuna, erano contigui, privi di pavimentazione e si presentavano con fango misto ad escrementi, tanto da rendere non agevole la pulizia e la disinfezione. Alcuni cani, nonostante il pochissimo spazio a disposizione, erano legati alla rete metallica cosa che ne limitava ulteriormente i movimenti.

Il personale del Servizio veterinario dell’Azienda sanitaria provinciale ha accertato il maltrattamento degli animali. I suini, inoltre, sono risultati in stato sanitario sconosciuto, privi di dichiarazione di provenienza in un allevamento non registrato.

I cani, esclusi quelli dotati di microchip, sono stati affidati ad un canile sanitario, mentre i suini sono stati consegnati in custodia al medesimo allevatore. Accertamenti sono in corso per stabilire se siano state diffuse malattie infettive.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM