Sequestrate centomila mascherine non a norma

Carlomagno

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM

I finanzieri del Comando Provinciale di Crotone hanno attuato una mirata azione di controllo al fine di individuare quegli articoli, connessi all’emergenza sanitaria in corso, che
vengono commercializzati in violazione delle disposizioni normative in materia di dispositivi medici, all’esito delle attività sono state sottoposte a sequestro circa 100.000 mascherine
chirurgiche non a norma.

L’operazione è stata condotta dal comparto Anti Terrorismo – Pronto Impiego del Gruppo di Crotone a seguito dell’incrocio di informazioni ottenute da un analitico controllo economico del
territorio, servizio peculiare della Guardia di Finanza, con le informazioni ottenute attraverso le numerose banche dati in uso al Corpo e, in ultimo, col riscontro di tali informazioni con mirati sopralluoghi.

È stato pertanto individuato un distributore, sito nel comune di Crotone, che commercializzava mascherine chirurgiche riportanti sulla confezione delle informazioni non rispondenti alla relativa dichiarazione di conformità CE, difatti la classificazione in etichetta individuava le mascherine come di tipo II “R” mentre la dichiarazione di conformità rilasciata risultava essere relativa a mascherine chirurgiche di tipo I.

La violazione alla normativa sui dispositivi medici ha portato al sequestro amministrativo degli articoli ed alla segnalazione alla locale Camera di Commercio, per la successiva irrogazione di
sanzioni amministrative pecuniarie, al titolare dell’esercizio commerciale.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER