Locri, dove c’era la mafia sorge ora un ostello per giovani


Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM
ostello a Locri
L’ostello a Locri 

Si chiama “Locride” ed è un ostello della gioventù che apre i battenti, a Locri, all’interno di un bene confiscato alla ‘ndrangheta e ristrutturato alla bisogna.

A gestire l’ostello, pensato per un “turismo responsabile”, sarà il Consorzio Goel che si è aggiudicato l’assegnazione gratuita del bene, avendo la meglio su un’altra offerta, dopo che la precedente gara, indetta dal Comune di Locri la scorsa primavera, era andata deserta.

L’ostello “Locride” è una struttura ricettiva nuova e moderna di cinque piani con ascensore, in grado di ospitare fino a 45 persone. “Il progetto presentato da Goel, in collaborazione con il Comune di Locri, guidato dal sindaco Giovani Calabrese – è detto in un comunicato del Gruppo Goel – si propone di promuovere uno sviluppo turistico e sociale che restituisca valore al territorio in una modalità esattamente opposta e contraria all’usurpazione mafiosa che, invece, paralizza lo sviluppo e crea disoccupazione e precarietà per tutti”. (Ansa)


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER