Suicida Maria Rita Lo Giudice, figlia di ‘ndranghetisti. Si indaga


Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM
Maria Rita Lo Giudice
Maria Rita Lo Giudice

Dovevano svolgersi oggi ma sono stati rinviati i funerali di Maria Rita Lo Giudice, la ragazza di 25 anni, figlia e nipote di esponenti della ‘ndrangheta reggina, suicidatasi domenica a Reggio Calabria dopo essersi lanciata dal quinto piano della sua abitazione.

Un gesto estremo sul quale si indaga, e che scuote il mondo giudiziario e politico. Probabilmente la giovane, che pure si era affermata con una brillante carriera universitaria, si sarebbe sentita isolata rispetto alla scelta di smarcarsi dalla storia familiare. Una ipotesi che circola con insistenza mediatica ma che è tutta da accertare.

I parenti della ragazza, che nutrono dubbi sul suicidio, hanno chiesto che sul corpo della congiunta sia effettuata l’autopsia. Sulle motivazioni del gesto compiuto dalla giovane donna hanno avviato accertamenti i carabinieri.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM