‘Ndrangheta, sequestro e confisca di beni per 1,7 milioni


Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM

villa confiscataLa Polizia di Stato di Reggio Calabria ha eseguito due provvedimenti emessi dalla sezione misure di prevenzione del Tribunale. Uno riguarda la confisca di beni, per un valore di un milione e mezzo di euro, nei confronti di Carlo Antonio Longo, di 53 anni, in atto detenuto, esponente della cosca Bellocco della ‘ndrangheta.

A Longo, in particolare, è stata confiscata una villa, con annesso terreno, ubicata a Monzambano, in provincia di Mantova, e risultata, secondo quanto é emerso dalle indagini, nella sua disponibilità. Longo, tra l’altro, é stato arrestato nel maggio del 2012 dalla Squadra mobile di Reggio Calabria nell’ambito dell’operazione “Tramonto”.

Il provvedimento di sequestro, per un totale di 200 mila euro, riguarda beni riconducibili a Girolamo Cutrì, di 61 anni, anch’egli al momento detenuto, esponente della cosca Crea. I beni sequestrati consistono in due appezzamenti di terreno.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER