Rapinò una coppia di giovani, preso al Nord un nigeriano


Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM

E’ stato arrestato a Domodossola il presunto autore della rapina e delle lesioni a danno di una coppia di giovani commessa il 18 dicembre scorso a Reggio Calabria. Si tratta di un cittadino nigeriano di 26 anni bloccato alla frontiera mentre in treno stava lasciando l’Italia.

Le indagini della Squadra mobile reggina sono iniziate dopo l’intervento delle volanti in località “Capannina”, dove la coppia aveva segnalato di avere subito una rapina da parte di una persona che si era allontanata su una bicicletta. In particolare il ragazzo, mentre era in compagnia della fidanzata a bordo della propria auto, aveva visto qualcuno.

Sceso per chiedere cosa volesse, era stato aggredito e minacciato con un coltello. Quindi l’aggressore aveva preso la borsa della ragazza ed era fuggito. Il giovane era rimasto ferito ad una mano. Grazie alla descrizione fornita dalle vittime gli investigatori sono risaliti al presunto autore iniziando le ricerche anche in ambito nazionale.

Da quel giorno le ricerche dell’aggressore sono proseguite senza soluzione di continuità dagli uomini della Squadra Mobile e da quelli dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico della Questura nella città e provincia di Reggio Calabria ed estesi anche in ambito nazionale. Così il 13 gennaio 2020 il cittadino nigeriano veniva fermato dalla polizia Elvetica a bordo di un treno in uscita dal territorio nazionale e diretto in Svizzera, sprovvisto di documenti utili ai fini dell’espatrio.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM