Padre e figlio siciliani ricercati per furti in Calabria: arrestati in Germania

Carlomagno Lancia Ypsilon ibrida Giugno 2021
Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM

La Polizia tedesca ha arrestato in Germania padre e figlio, Alessandro Amenta, 49enne, e il figlio, Antonino Amenta, 26enne, entrambi con precedenti di polizia e originari della Provincia di Siracusa, destinatari di ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Tribunale di Palmi su richiesta della locale Procura nel novembre 2020. L’arresto è stato effettuato in esecuzione di mandato di arresto europeo.

Padre e figlio erano sfuggiti alla cattura ed erano quindi ricercati perché ritenuti responsabili, insieme ad altri, di furto aggravato, continuato e utilizzo indebito di carte di credito.

L’operazione è scattata dopo indagini avviate dai Carabinieri della Compagnia di Taurianova che, per il tramite del Sevizio per la cooperazione internazionale, hanno fornito alla Polizia tedesca precisi dettagli ed elementi informativi, che hanno permesso la localizzazione e l’arresto dei due ricercati.

Secondo l’accusa, i due si sarebbero resi responsabili di una serie di furti di autovetture nel territorio della Piana di Gioia Tauro, appropriandosi illecitamente di denaro e carte di pagamento delle vittime, che utilizzavano per prelievi in contanti e acquisti di costosi dispositivi informatici, causando loro un rilevante danno economico.

Le indagini hanno permesso in breve tempo, di individuare il domicilio di padre e figlio, ricercati dal novembre scorso, in un piccolo paese del distretto di Stoccarda, in Germania e di richiedere l’internazionalizzazione del provvedimento di cattura all’autorità giudiziaria di Palmi.

Gli arrestati sono stati quindi affidati alle competenti autorità tedesche, in attesa della definizione della procedura di estradizione, per il loro prossimo rientro in Italia, dove attenderanno il processo ristretti in una casa circondariale.

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM