Deteneva illegalmente in casa esplosivo e detonatori, arrestato

Carlomagno

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici su TELEGRAM e TWITTER

Agenti della Digos di Reggio Calabria e del Commissariato di P.S. di Polistena, coadiuvato da aliquote del Nucleo Artificieri e Squadra Mobile, hanno arrestato a Melicucco, un 26enne incensurato, trovato in possesso di esplosivo.

I poliziotti all’esito di una perquisizione, hanno rinvenuto circa 210 kg di precursori di diverso tipo, oltre ad 1,5 kg di esplosivo già miscelato, inneschi, micce ed astucci per il confezionamento di artifizi pirotecnici.

Il materiale era custodito all’interno di un laboratorio clandestino, ubicato nello stesso stabile dove c’è l’appartamento dell’arrestato.

La pericolosità della condotta di detenzione è stata confermata non soltanto dalla presenza di un telecomando ad attivazione remota nonché di un frullatore/mixer per la miscelazione delle sostanze, ancora sporco di residui della lavorazione degli esplosivi, ma soprattutto dalle precarie modalità di conservazione degli esplosivi e delle polveri rinvenute, poiché collocate in ambienti angusti ed in prossimità a luoghi densamente frequentati (centro abitato). Per tali motivi è stato richiesto l’intervento dei Vigili del Fuoco e l’intera area è stata cinturata e chiusa al traffico.

Nel corso delle attività, ad esito di altre perquisizioni domiciliari, è stato deferito in stato di libertà un 28enne trovato in possesso di undici artifizi pirotecnici e segnalato amministrativamente un altro soggetto, di 24 anni, poiché deteneva 5.6 grammi di sostanza stupefacente del tipo marijuana.