Omicidio Fiume, il gip convalida l’arresto di Sicari e dispone il carcere

Carlomagno

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici su TELEGRAM e TWITTER

E’ stato convalidato l’arresto di Giuseppe Sicari, il sessantenne che mercoledì scorso, nella frazione “Catona” di Reggio Calabria, ha ucciso con alcuni colpi di pistola il cugino acquisito, Francesco Giuseppe Fiume, di 44 anni.

Dopo il fermo, la convalida è stata decisa, a conclusione dell’interrogatorio di Sicari, dal giudice Sabato Abagnale, che ha anche emesso a carico dell’uomo, che avrebbe confessato, un’ordinanza di custodia cautelare in carcere.

Sicari, nel corso dell’interrogatorio, secondo quanto trapela, avrebbe confermato quanto aveva sostenuto nella stessa giornata di mercoledì scorso, quando, poco dopo l’omicidio, si era costituito in Questura, consegnando la pistola legalmente detenuta utilizzata per commettere l’omicidio.

Il sessantenne ha ribadito di avere ucciso Fiume al culmine di una discussione provocata da vecchi dissidi e screzi col cugino.

Il giudice Abagnale ha rigettato l’istanza che era stata presentata dal difensore di Sicari, l’avvocato Emanuele Genovese, perché venisse concesso al presunto omicida il beneficio degli arresti domiciliari.

Il delitto è avvenuto nel primo pomeriggio di mercoledì scorso, quando in Via Francia, la vittima è stata freddata a bordo della sua Fiat Stilo. La vittima era il cugino della moglie di Giuseppe Sicari.