Carabinieri indagano per un furto e scoprono giro di spaccio, 4 arresti

Operazione "Genio" nel Vibonese. Gli indagati sono accusati di cessioni di cocaina avvenute tra dicembre 2016 e febbraio 2017


Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM

arrestati vibo zupo caputo caruso ielapiAlle prime ore della mattinata, a Capistrano, Mileto, Filadelfia e Grosseto, i Carabinieri della Compagnia di Serra San Bruno con il supporto dei colleghi di Vibo Valentia e Grosseto hanno eseguito 2 misure cautelari in carcere e due agli arresti domiciliari emesse dal Gip del Tribunale di Vibo Valentia, su richiesta della locale Procura, nei confronti di altrettanti soggetti ritenuti responsabili del reato di spaccio di cocaina.

Si tratta di Gaetano Zupo, 34 anni, originario di Vibo Valentia ma residente a Mileto, Robertino Caruso, (45), originario della Germania ma residente a Filadelfia, Vito Ielapi, (31), originario di Lamezia Terme ma residente a Polia e Rocco Caputo, originario di Vibo Valentia ma residente a Capistrano.

L’attività investigativa, per fatti risalenti tra dicembre 2016 e febbraio 2017, ha consentito di raccogliere elementi indiziari nei confronti di 4 soggetti che, secondo gli investigatori, spacciavano cocaina nei vari comuni dove erano domiciliati. Nei 3 mesi di attività, sono stati documentati 26 episodi di spaccio.

L’attività trae origine dalla visione e dall’analisi di alcuni filmati di telecamere di videosorveglianza, posta in essere dai militari di Monterosso Calabro, i quali stavano indagando per un furto in abitazione.

In quella circostanza, non vennero raccolti elementi utili per procedere, ma veniva evidenziata una possibile cessione di droga. Venivano quindi avviate le indagini con  intercettazioni telefoniche e ambientali, nonché attività volte a monitorare gli spostamenti dei presunti spacciatori e di alcuni consumatori. L’operazione è stata denominata “Genio”.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER