Catanzaro in Rosa, cresce l’attesa per il Giro d’Italia 2016

Catanzaro in Rosa, cresce l'attesa per il Giro d'Italia 2016
Una locandina del Giro d’Italia 2016 a Catanzaro

CATANZARO – Cresce sempre di più anche sui social l’attesa per la prima tappa nazionale del Giro d’Italia 2016 che partirà da Catanzaro il prossimo 10 maggio. Sulla pagina Facebook dedicata all’appuntamento sta riscuotendo grande entusiasmo un breve spot, curato dall’amministrazione comunale, che mette insieme alcune clip dell’evento sportivo e suggestive immagini aeree della città immortalando, in particolare, il viadotto Bisantis su cui passerà la carovana ciclistica.

In poche ore, il video, diffuso anche sulle piattaforme youtube e twitter del Comune di Catanzaro, è diventato “virale” con quasi 8mila visualizzazioni, oltre 300 condivisioni e centinaia di “mi piace”. La città si prepara, quindi, a colorarsi di rosa grazie ad una vetrina straordinaria come il Giro d’Italia che garantirà importanti benefici, sia dal punto di vista del ritorno d’immagine che da quello dell’indotto economico e turistico, grazie all’arrivo di milleduecento persone tra atleti, tecnici e addetti ai lavori.

L’amministrazione comunale, inoltre, ha definito un ricco calendario di appuntamenti che scandiranno la marcia di avvicinamento verso l’importante evento sportivo coinvolgendo le associazioni e le attività commerciali del centro storico e delle aree interessate dal percorso del Giro d’Itaia che partirà da corso Mazzini, con il Quartiertappa al San Giovanni e il villaggio rosa in Piazza Matteotti.

I dettagli del programma “Catanzaro in rosa – aspettando il Giro” saranno illustrati mercoledì 27 aprile, alle ore 11, a Palazzo de Nobili, dal sindaco Sergio Abramo e dall’assessore allo sport Giampaolo Mungo. Subito dopo, alle ore 12, si terrà il convegno, organizzato dall’associazione italiana Avvocati dello sport, sul tema “Doping e ciclismo. Medicina, sport e giustizia” che vedrà partecipare, tra gli altri relatori, anche Antonio De Rensis, avvocato specializzato in diritto sportivo e doping e legale della famiglia di Marco Pantani, il campione morto in circostanze ancora avvolte nel mistero.

Condividi