Aggredisce e rapina una donna a Lamezia, arrestato giovane somalo

Polizia Carabinieri Aveva appena compiuto una rapina ai danni di una donna a Lamezia Terme, ma mentre tentava di dileguarsi è stato bloccato e arrestato dagli agenti della Polizia di Stato e dai Carabinieri. Si tratta di A. A. A., 30enne di nazionalità somala.

La vicenda si è consumata intorno alle 3 di stanotte nei pressi della stazione ferroviaria di Lamezia Terme Centrale, dove una donna è stata aggredita e derubata dei propri averi da un extracomunitario, che dopo aver attratto in un’area appartata la vittima, la malmenava e realizzava i suoi veri intenti, dandosi poi alla fuga.

Subito dopo, la donna raggiungeva una cabina telefonica e chiedeva soccorso alle forze dell’ordine giunte subito sul posto. Raccolte le necessarie informazioni, e fatto intervenire personale del 118 per le cure del caso, gli operatori della Polizia e dei Carabinieri avviavano le ricerche e riuscivano ad individuare e a bloccare l’uomo.

A seguito di perquisizione personale le forze dell’ordine hanno rinvenuto due telefoni cellulari e due banconote da cinque euro, oggetto della rapina.

Il trentenne, con precedenti specifici di polizia, è stato dichiarato in arresto per rapina in flagranza di reato e, su disposizione del pm di turno presso la procura di Lamezia Terme, condotto nella camera di sicurezza della compagnia dei carabinieri del posto. Nel rito per direttissima, tenutosi martedì pomeriggio, il giudice ha convalidato l’arresto ed ordinato la traduzione nella casa circondariale di Siano, in attesa del giudizio.