Capezzone (Forza Italia): "Manca una vera proposta di destra"

Daniele Capezzone
Daniele Capezzone

Goffredo Pistelli per Italia Oggi (21 ottobre 2014)

Daniele Capezzone non s’ arrende alla deriva del centrodestra. L’ uomo che fu decisivo, con le battaglie sull’ Imu e su Equitalia, nella grande ricorsa di Silvio Berlusconi alle politiche del 2013, s’ è messo a lavorare di buzzo buono, con la pazienza e il metodo dei radicali. Da tempo pungola tutti. Pochi giorni dopo la débacle alle europee di maggio, s’ era inventato il «software liberale», un ebook in cui mette in file un po’ di idee degne del 1994, anno della rivoluzione berlusconiana mancata. Sabato scorso s’ è infilato nella Leopolda blu, raduno milanese di chi vuol riaggregare a destra.

Domanda. Capezzone, com’ è andata a Milano?
Risposta. Intanto mi faccia ringraziare chi ha organizzato, a partire da Lorenzo Castellani (una delle anime di Formiche.
net, ndr), perché ho trovato molto azzeccate le scelte di fondo.

Vale a dire?
Che in attesa di altre primarie, quelle politiche, si comincino almeno con le primarie delle idee. L’ unica cosa di cui aver paura è l’assenza di un dibattito sulle proposte. E poi, molto giusta mi pare l’ indicazione di un modello stile Partito repubblicano americano, con l’ ambizione di individuare poche cose ma che possano davvero unire per un’ alternativa alla sinistra. Su tutto il resto, poi, ognuno resta con la propria cultura, i libri che preferisce, il background cui è affezionato. Insomma che «i cento fiori fioriscano».
Come disse il grande nocchiere Mao Tse Tung…
Sì, per indicare un metodo, anche se questa prassi è molto anglossassone.

Sveglia Centrodestra Nella foto fra gli altri Adolfo Urso, Gaetano Quagliariello e Raffaele Fitto (Formiche.net)
SVEGLIA CENTRODESTRA Nella foto un momento dell’incontro organizzato a MIlano da Formiche.net sulla scia di Leopolda blu. Fra gli altri Adolfo Urso, Gaetano Quagliariello e Raffaele Fitto

Le sue, quali sono?
Il centro sta nella questione fiscale. E non lo dico per passione liberale, quanto per il bene del Paese. Se ha tempo le do qualche numero con cui, chiunque faccia politica, oggi si deve confrontare.
Avanti…
Sono dati della Banca mondiale sul Total tax rate, ossia l’ indice che riguarda l’ imposizione fiscale delle imprese. Bene l’ Italia è al 65%, Francia 64%, Spagna 58%, Germania 49, la media europea 41, Gran Bratagna 34 e la Croazia 19.
Beh, cifre impressionanti…
Aspetti. Ora le do quelle sui fallimenti del primo semestre di quest’ anno: sono stati il 10% in più dello stesso semestre 2013. E, se si considera l’ ultimo trimestre di quel periodo, cioè aprile, maggio e giugno 2014, quella percentuale sale al 14%.

Dal che, se ne deduce?
Che ci vuole uno shock fiscale e il centrodestra si deve ripensare su questo. A Matteo Renzi potrei fare mille critiche: ha aumentato le tasse sulla casa, sul risparmio, ora sui fondi pensione e, quando nei prossimi giorni avremo la legge di stabilità troveremo setto-otto tasse occulte…
E invece, dove lo critica?
Sulla cosa migliore che farà, se fosse vera, ossia l’ intervento sull’ Irap, annunciato intorno ai sei miliardi.

Sveglia Centrodestra (Formiche.net)Infatti, è sorprendente. E perché lo critica?
Perché quell’ intervento rischia di fare la fine degli 80 euro e cioè di non essere incidente. Mi spiego: gli 80 euro magari sono finiti in affitti arretrati, multe da pagare, conti in sospeso, anziché nei consumi.
E l’Irap in meno?
Idem, perché gli imprenditori sono già molto in difficoltà.
Per questo le dico che quella misura non basta, che ci vuole ben altro. Forza Italia e il centro destra prendano questa bandiera: «Giù le tasse». E non come parola d’ ordine, cui siamo meccanicamente affezionati ma vera esigenza del Paese.

Senta, però per far manovre simili si deve tagliare la spesa clamorosamente, mentre uno dei vostri potenziali alleati, la Lega, vuol addirittura abolire la legge Fornero…
Dobbiamo decidere se vogliamo solo una curatela fallimentare del centrodestra o il rilancio. Il rischio c’ è. Per noi di Forza Italia, per esempio, la tentazione è la gestione dell’ esistente. Per il Carroccio, che se la passa meglio, il successo nella marginalità cioè accontentarsi di fare quello che faceva Rifondazione ai tempi del centrosinistra, arrivando sino al 9%, ma scegliendo l’ opposizione perenne e rinunciando all’ alternativa. Oggi inveece, grazie a B., siamo al bipolarismo.
[su_quote]Che cos’è “Sveglia Centrodestra”. Sabato scorso a Milano si è svolta Sveglia Centrodestra (#Svegliailcdx), la “Leopolda blu” autoconvocata da un gruppo di professionisti su input di Formiche.net, al quale hanno partecipato esponenti di tutti i partiti del centrodestra. L’obiettivo è rilanciare l’area e arricchirla di idee e contenuti [/su_quote]E cioè?
Oggi si deve stare o di qua o di là. Anzi, siamo quasi alla referendizzazione del voto: c’ è una parte importante che può votare da una parte e poi, la volta dopo, su certi temi, andare dall’ altra.
Io dico: mettiamo al centro di uno schieramento la proprietà privata, la casa, il risparmio, le tasse e la diminuzione della spesa pubblica e costruiamo l’ alternativa a Renzi.

Sveglia Centrodestra (Formiche.net)Su questi temi lo battete?
Già ora.
Perché non sta tagliando abbastanza sulle municipalizzate, sugli acquisti dei beni e servizi, su costi standard.
E delle tasse le ho già detto.
Capezzone, però voi potete fare le leopolde blu ed elaborare progetti, però dovete fare i conti col «fattore B»., come la vicenda di Raffaele Fitto, che il Cavaliere ha quasi cacciato dal partito.
Io dico che nelle scelte Fitto ci sia una grande novità positiva. Domandiamoci chi è Fitto?
Risponda lei…
È uno che è stato davvero vicino a Berlusconi nelle ore difficili, quando non era facile, non era comodo. Altri, tipo Gianfranco Fini, se ne andarono picconando un governo di centrodestra. Oppure, tipo Angelino Alfano, lo abbandonarono, per mantenere la poltrona ministeriale. Fitto è stato e starà dentro, a fornire idee e proposte.

E poi vorrei dire un’ altra cosa.
Prego…
Mi viene in mente Proust, quando parla di quel rimorso che prende scendendo le scale, dopo un incontro, quando non si è detto tutto quello che si pensava. Non dobbiamo aver quel rimorso: ognuno deve offrire tutta intera la propria opinione.
Cioè, lei dice che il Cavaliere accetterebbe…
È una persona lungimirante e rispettosa, molto di più dei consiglieri che ha intorno. Rifletterà su questi temi e vedrà che ha ancora una missione da compiere: costruire il partito gollista in Italia. D’ altra parte, essendo colui che ha reso fisicamente possibile il bipolarismo, può dare un contributo anche qui.

Daniele Capezzone
Daniele Capezzone

Però c’ è il nodo del Patto del Nazareno. Lei pensa che non esista, come dice Giuliano Urbani, e che B. veda davvero in Renzi un continuatore di certe sue idee, vent’ anni dopo?
Non sono interessato ai retroscena, meno che mai a letture maliziose, maligne o malpensanti. Dal punto di vista di Renzi starei attento però: rischia di essere egemone ma, per le ragioni economiche richiamate prima, rischia di esserlo fra le macerie. Come diceva Rino Formica, c’ è qualche intrattenimento del pubblico e il Paese va come va.
Qualche problema, questo premier ve lo crea, non lo neghi.
È evidente che non è facile avere a che fare con un leader diverso, che ci sfida in campo più moderno dei suoi predecessori.
Prima la sinistra era solo tasse, Cgil e manette. Ora c’ è un leder che si tira fuori da quella trimurti, anche se magari, a guardar bene, non sempre e non del tutto. Però, a maggio del 2014, ci sono stati nove milioni di italiani che non ci han votato più o si sono astenuti: partite Iva, imprenditori, professionisti che riconoscono in Renzi uno che ha archiviato il Pci ma che voterebbero una proposta di destra, subito.

Silvio Berlusconi
Silvio Berlusconi

Lei dice bene, ma intanto domenica Renzi ha fatto il pieno di audience nell’ ammiraglia di Mediaset, Canale 5, in una delle trasmissioni che più berlusconiane non si può, il salotto di Barbara D’ Urso, con una proposta che piace tanto a moltissimi vostri elettori: il bonus bébé.
Che le devo dire, spero solo che prossimamente a Renzi non sia affidata anche la conduzione del Tg5 delle 20.
Caustico, lei.
Ma no, è un battuta. Il lavoro che vogliamo fare va aldilà dell’ episodio di giornata. Ricordo anche io prime pagine del Giornale inneggianti a Renzi e delle reti Mediaset abbiamo sorriso anche in una recente riunione di presidenza di Forza Italia.

In che senso?
Nel senso che ho ricordato al presidente come i tg di Mediaset avessero fatto cronaca politica quest’ estate.
Ce lo ricordi…
Un servizio di 2-3 minuti sulle attività del governo, quindi il pastone politico di tutti e poi, in coda, 15 secondi ad esponenti di Forza Italia che dicevano, in pratica, di essere lieti protagonisti dell’ azione governativa e di dialogare con Renzi.

E Berlusconi?
Ne ha riso anche lui. Con una copertura così, c’ è solo da stupirsi che il premier non sia più alto nei sondaggi. Ma il tema non è la rivendicazione centimetrica di pagina di giornale o spazi tv. Bisogna fare come Andrea Pirlo.
Pirlo?
Massì, alzare la testa, guardare il gioco. Qui si tratta dei prossimi cinque o dieci anni. Merito a Fitto, allora, di aver posto la questione, merito alla Leopolda Blu d’ aver iniziato il dibattito.

In questo nuovo centrodestra, c’ è posto anche per Corrado Passera che, nel frattempo, se ne è autoproclamato guida?
Chiunque è il benvenuto. Nessuno può dire «no tu no» a nessuno. Quelli che lo dicono alla Lega, a Fratelli d’ Italia, a Passera non hanno capito niente. Ma guai a fare, verso Renzi, l’ errore che ha fatto la sinistra verso B. e cioè fare solo a tavoli, in stanzette chiuse, con dieci partitini che partoriscono non si sa cosa.