Tentato duplice omicidio di zio e cugino, resta in carcere Giancarlo Pane


Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM

Resta in carcere Giancarlo Pane, l’uomo che l’altro giorno a Belcastro, centro del catanzarese, ha sparato colpi di fucile contro lo zio e il cugino. Il giudice del Tribunale di Catanzaro pur non ritenendo concreto il pericolo di fuga ha confermato la custodia in carcere perché potrebbe esserci il pericolo di reiteratio criminis, cioè che l’uomo potrebbe reiterare l’aggressione verso i congiunti.

I fatti sono avvenuti lo scorso 4 febbraio per strada, quando dopo un diverbio tra loro, Pane si è armato di un fucile clandestino e ha sparato ad altezza d’uomo all’indirizzo dei parenti che terrorizzati si erano riparati dietro un’auto, risultata crivellata di colpi.

Una delle vittime è stata ferita di striscio. A eseguire il provvedimento del giudice sono stati i carabinieri di Sellia Marina che nelle ore successive al fatto avevano eseguito il fermo. Pane è accusato di tentato duplice omicidio e porto abusivo di armi.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM