Catanzaro, ricordati i caduti e i carabinieri vittime a Nassiriya


Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM

Venerdì mattina 12 novembre, presso la cappella del Comando Legione “Calabria”, a Catanzaro, i Carabinieri hanno celebrato la ricorrenza della “13^ giornata del ricordo dei Caduti militari e civili nelle missioni internazionali per la pace” con una messa solenne officiata dal cappellano militare, don Vincenzo Ruggiero, alla presenza del Comandante della Legione, Generale di Brigata Pietro Salsano e di una rappresentanza del personale in servizio anche dei reparti speciali e di quello in congedo appartenente all’Associazione Nazionale Carabinieri.

La particolare ricorrenza è stata istituita con la Legge 12 novembre 2009 n. 162, in concomitanza dell’anniversario dell’attentato di Nassiriya, avvenuto 12 novembre 2003, in cui persero la vita 28 persone, 9 iracheni e 19 italiani di cui 17 militari e due civili. Quel giorno, alle ore 10:40 irachene, le 8:40 in Italia, un camion cisterna pieno di esplosivo scoppiò davanti all’ingresso della base MSU (Multinational Specialized Unit) italiana dei Carabinieri, provocando successivamente l’esplosione del deposito munizioni della base “Maestrale” e la morte di 28 persone tra cui ben 12 Carabinieri.

L’impegno dell’Arma a Nassiriya costituisce, infatti, il più grande contributo di sangue che i Carabinieri hanno offerto nell’ambito delle missioni internazionali per la pace.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER