“Troppi nemici per Giovanni Falcone”, domani Bianconi a Cosenza

Carlomagno Nuova Jeep Compass Aprile 2021
Il giornalista e scrittore Giovanni Bianconi
Il giornalista e scrittore Giovanni Bianconi

Sarà il giornalista e scrittore Giovanni Bianconi ad aprire domani, martedì 4 luglio, alle ore 20,00, al Chiostro di San Domenico, la sezione “I beni parlati” di “Confluenze-Festival delle Invasioni 2017”. Bianconi presenterà a Cosenza il suo libro “L’Assedio-troppi nemici per Giovanni Falcone”, edito da Einaudi. All’incontro con il giornalista e scrittore parteciperà il Vicesindaco di Cosenza Jole Santelli che ha voluto fortemente l’iniziativa, in coincidenza con il 25° anniversario della strage di Capaci.

“L’Assedio -sottolinea Giovanni Bianconi – è tre cose insieme: una ricostruzione storica, un omaggio a Giovanni Falcone ed anche un’analisi di quello che è avvenuto. E’ soprattutto una ricostruzione dell’ultimo periodo di vita di Giovanni Falcone, in particolare di quello vissuto a Roma, per far vedere che anche l’ultima parte della sua vita e del suo lavoro sono stati fortemente osteggiati. Le ostilità nei confronti di Giovanni Falcone – afferma ancora Bianconi – sono cessate solo il pomeriggio del 23 maggio del 1992”.

Tragico e coinvolgente, “L’assedio” ci riporta a uno dei periodi più bui della nostra Repubblica, eppure, nonostante tutto, non è la cronaca di una sconfitta: racconta la straordinaria avventura dell’uomo che, con la sua azione, ha segnato il declino di Cosa nostra.

A venticinque anni dall’attentato di Capaci, Giovanni Bianconi ricostruisce, attraverso i documenti e i ricordi dei protagonisti, l’ultimo periodo della vita di Giovanni Falcone. Un’indagine nella Storia, che rivela la condizione di accerchiamento in cui si è trovato il giudice palermitano, stretto tra mafiosi, avversari interni al mondo della magistratura e una classe politica nel migliore dei casi irresponsabile. E individua coloro che, nascosti dietro il paravento del «rispetto delle regole», lo contrastarono, tentarono di delegittimarlo e lo isolarono fino a trasformarlo nel bersaglio perfetto per i corleonesi di Totò Riina.

Per molti anni redattore del quotidiano torinese “La Stampa”, Giovanni Bianconi è attualmente inviato del “Corriere della Sera”, per il quale segue le più importanti vicende giudiziarie e di cronaca.

Ha scritto vari libri, raccontando con acume e gusto per i particolari, le vicende criminali avvenute nella capitale negli ultimi trent’anni: dalla funesta vicenda della Banda della Magliana, al terrorismo “nero” dei Nuclei Armati Rivoluzionari di Giusva Fioravanti. È uno dei giornalisti italiani che meglio conoscono la storia dei gruppi dell’eversione interna: nei suoi ultimi saggi, ha analizzato con l’ausilio della gran mole di documentazione giudiziaria e dei rapporti investigativi dell’epoca, il fenomeno delle Brigate Rosse e la complessa – e in parte ancora oscura – vicenda del sequestro di Aldo Moro. Per l’attività svolta si può annoverare tra gli appartenenti alla migliore tradizione del giornalismo investigativo italiano.

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb
Seguici anche su TELEGRAM