Ruba soldi e capi firmati, arrestato sorvegliato speciale

Carlomagno

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM

furto abbigliamentoHa forzato la porta d’ingresso con un piede di porco di un negozio di abbigliamento portando via 400 euro in contanti dalla cassa e diversi capi firmati, ma è stato rintracciato e arrestato dai carabinieri.

Con l’accusa di furto aggravato e violazione della sorveglianza speciale è stato arrestato Pasqualino Veronese, di 28 anni, di Corigliano, sorvegliato speciale con obbligo di dimora notturno. I carabinieri sono risaliti all’uomo avvalendosi delle telecamere di videosorveglianza poste nelle vicinanze dell’esercizio commerciale nel centro di Corigliano.

Nel corso della perquisizione in casa di Veronese, irreperibile dopo il fatto nonostante il provvedimento di obbligo di dimora notturno, i militari hanno trovato nella sua stanza la tuta e le scarpe che indossava nel momento del furto.

Sulla vetrina del negozio Veronese aveva lasciato le impronte delle scarpe compatibili con quelle ritrovate. Veronese si è poi presentato spontaneamente nella caserma dei carabinieri.

Sulla base degli indizi raccolti, d’intesa con il pm di turno della Procura di Castrovillari, diretta da Eugenio Facciolla, l’uomo, gravato da innumerevoli precedenti ed indagato anche nell’operazione “il Tribunale” eseguita lo scorso anno dai militari ausonici, è stato arrestato e  tradotto presso il carcere di Castrovillari a disposizione della magistratura.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER