Scippava spesso le vecchiette, finalmente in cella bandito seriale

Carlomagno campagna Fiat Marzo 2019

Spacciavano in una casa di Rossano Scalo, arrestati due pusherEra diventato il terrore di un intero comprensorio con la sua attitudine a rapinare e scippare vecchiette. Negli ultimi mesi si era reso responsabile di diversi furti nella zona coriglianese. Nemmeno nelle ricorrenze più sacre si risparmiava. Sempre attivo. Sempre in agguato contro i più deboli. L’ultimo colpo gli è andato però male, perché è stato beccato dalla Polizia e spedito dritto in carcere.

Protagonista un balordo ventiduenne, gravato da numerosi precedenti, di cui sono state fornite solo le iniziali R.G., prima di andare dietro le sbarre, con l’obbligo della presentazione alla polizia giudiziaria per altri svariati reati graziati dai giudice che gli hanno concesso benefici da bandito seriale a piede libero.

Il fatto nello specifico è che gli agenti della Squadra Volante del Commissariato di Corigliano Rossano, durante il normale servizio di controllo del territorio, transitando su viale Sant’Angelo notava delle persone che si agitavano nei pressi della Chiesa del Sacro Cuore in quel Viale perché era appena stato consumato, ai danni di una signora presente all’interno della stessa parrocchia, il furto di una borsa, con all’interno soldi documenti ed oggetti vari, nel mentre la signora unitamente al parroco e ad altre persone effettuava dei lavori di preparazione alla celebrazione delle Sante Ceneri.

I poliziotti, prese le prime descrizioni del balordo, si sono subito posti alla sua ricerca riuscendo ad individuarlo a poche centinaia di metri con ancora la borsa della signora in mano.

Il soggetto, in seguito identificato per R. G., alla vista della Volante della Polizia di Stato come un codardo è scappato cercando di disfarsi della borsa rubata, ma gli operatori di Polizia lo hanno inseguito e bloccato dopo pochi metri.

Il fermato è stato accompagnato presso questi Uffici e, dopo le formalità di rito, visti gli elementi di responsabilità raccolti e i numerosi precedenti specifici, è stato ammanettato con l’accusa di  furto aggravato e tradotto presso la Casa Circondariale di Castrovillari per come disposto dal pm di turno presso la Procura di Castrovillari. Nella speranza ci resti per un bel pezzo.