Caso Bergamini, ex boss Pranno: “Si è sempre parlato di suicidio”

Processo a Cosenza all'ex fidanzata del calciatore morto nel 1989, Isabella Internò, imputata di omicidio. Per la Procura bruzia il teste è però inattendibile. L'ex 'ndranghetista: "All'epoca si sapeva che aggiustavano le partite e che i giocatori erano esposti a prestiti usurai. Il Cosenza Calcio era sotto estorsione". Prossima udienza il 9 gennaio 2023

Carlomagno

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM
L’ex boss Mario Pranno in una foto d’archivio

“Si è parlato sempre di suicidio. Nessuno aveva ragione di andare a chiedere a chicchessia chi fosse stato perché, di omicidio ne parlate voi oggi”. A dirlo è stato Mario Pranno, di 66 anni, ex capo dell’omonimo clan della criminalità organizzata cosentina negli ’90.

Pranno è stato sentito in Corte d’assise a Cosenza come teste nel processo a carico di Isabella Internò, imputata di concorso in omicidio aggravato dalla premeditazione e dai motivi futili dell’ex fidanzato, il calciatore del Cosenza Donato “Denis” Bergamini, morto il 18 novembre 1989 sulla statale 106 all’altezza di Roseto Capo Spulico.

“Si sapeva – ha aggiunto Pranno rispondendo alle domande di accusa e difesa – che all’epoca si aggiustavano le partite e di giocatori esposti con prestiti usurai. Il Cosenza Calcio era sotto estorsione”.

La Corte preliminarmente ha accettato di acquisire la documentazione presentata da parte della Procura in merito all’inattendibilità delle dichiarazioni di Mario Pranno. Prossima udienza il 9 gennaio 2023. (Ansa)