Identificato l’uomo morto carbonizzato a Isola, è un operaio macedone

Carlomagno

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM

Incendio quadrifoglio IsolaE’ stato identificato l’uomo morto in un incendio in un’azienda di Isola Capo Rizzuto. Si tratta di un operaio di nazionalità macedone, Seferi Ruston, di 48 anni. L’uomo è stato trovato cadavere, completamente carbonizzato, all’interno del locale caldaie della “Quadrifoglio”, azienda che si occupa di catering della ristorazione.

Seferi Ruston, dipendente come tuttofare dell’azienda, è stato avvolto dalle fiamme divampate nel locale. A trovare il cadavere sono stati i vigili del fuoco del Comando provinciale di Crotone intervenuti a domare le fiamme. Sul posto, sono arrivati il medico legale e il magistrato di turno, Giampiero Golluccio.

Sulle cause dell’incendio indagano i carabinieri della Compagnia di Crotone. Secondo una prima parziale ricostruzione, l’uomo sarebbe andato nel locale a prendere delle taniche di carburante per fare rifornimento alla sua vettura trovata parcheggiata all’esterno del locale con il tappo del serbatoio aperto.

Per cause da accertare, il carburante avrebbe preso fuoco e l’uomo è rimasto avvolto dalle fiamme. L’azienda è in amministrazione giudiziaria perché coinvolta nell’operazione Jonny condotta dalla Dda a maggio del 2017.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER