Serie A, il Crotone rinforza l’attacco con Denis Dragus

La società lo ha acquisito a titolo temporaneo con l'opzione di riscatto. Il calciatore proviene dallo Standard Liegi


Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM
Denis Dragus

Il Crotone ha acquisito dallo Standard Liegi, a titolo temporaneo con l’opzione di riscatto, il calciatore Denis Dragus. L’attaccante è nato a Bucarest (Romania) il 6 luglio 1999 e ha fatto l’esordio tra i professionisti a soli 16 anni con il Vitorul Constanța squadra con la quale ha vinto Coppa e Supercoppa di Romania.

Nella passata stagione l’esperienza allo Standard Liegi e vanta anche 2 presenze con la sua Nazionale con esordio datato 10 settembre 2018, a 19 anni, contro la Serbia. Attaccante di prospettiva e dal talento cristallino, la scorsa estate è stato indicato dall’Uefa come uno dei 50 giovani più promettenti.

“Sono molto felice di essere qui e non vedo l’ora di fare la mia prima apparizione con questo Club”. Sono queste le prime parole da giocatore del Crotone Denis Dragus.
L’attaccante romeno è stato inserito dall’Uefa tra i 50 giovani più promettenti: “Sono fiero di essere stato nominato per questo premio – ha aggiunto Denis – e spero di avere la possibilità di dimostrare il mio lavoro con il Crotone. Penso che il sogno di ogni bambino che inizia a giocare a calcio – ha concluso Dragus – sia quello di giocare nei massimi campionati e la Serie A italiana è il miglior campionato del Mondo”.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER