Abuso d’ufficio, a processo sindaco e vice di Sorianello, oltre un assessore di Vibo

Dieci imputati nell'inchiesta della procura di Vibo Valentia in relazione alla gestione di alcuni immobili di proprietà dell'ente adibiti ad alloggi popolari. Contestata anche tentata concussione.


Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM

aula giustizia processoIl Gup di Vibo Valentia ha disposto il rinvio a giudizio di dieci persone, tra cui il sindaco ed il vicesindaco di Sorianello, Sergio Cannatelli e Carmine Mangiardi, accusate, a vario titolo, di abuso d’ufficio e tentata concussione in relazione alla gestione di alcuni immobili di proprietà dell’ente adibiti ad alloggi di edilizia residenziale pubblica.

Tra i rinviati a giudizio c’è anche Pasquale Scalamogna, funzionario dell’Ufficio tecnico del Comune di Sorianello ed attuale assessore all’Urbanistica al comune di Vibo Valentia.

L’inchiesta della Procura della Repubblica di Vibo Valentia che ha portato al rinvio a giudizio si basa sulle indagini condotte dai carabinieri. I fatti contestati risalgono al 2016. La prima udienza del processo è stata fissata per il 28 aprile.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM