Scoperto e sequestrato un cellulare a un detenuto nel carcere di Vibo

Carlomagno

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM
Il carcere di Vibo Valentia
Il carcere di Vibo Valentia

A poco più di due settimane da un analogo episodio, un altro detenuto del carcere di Vibo Valentia è stato trovato in possesso di un microtelefono cellulare. A renderlo noto, come nella precedente occasione, è la Uilpa- Polizia penitenziaria, con una nota della segretaria territoriale di Vibo Valentia, Francesca Bernardi.

“A distanza di poco più di due settimane – si afferma nella nota – le donne e gli uomini coordinati dal dirigente di Polizia penitenziaria della casa circondariale di Vibo Valentia, Domenico Montauro, hanno dato prova nuovamente di perspicacia e professionalità rinvenendo un micro-telefono cellulare abilmente occultato in un orifizio intimo da un detenuto da poco giunto da altro istituto.

Il Reparto del Corpo di polizia penitenziaria della Casa Circondariale di Vibo Valentia dimostra ancora una volta la sua alta professionalità, nonostante le ataviche carenze di risorse e le problematiche gestionali, e sembra quasi essere specializzato nel ritrovamento di telefoni cellulari”.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM e TWITTER