Scoperta a mezzo aereo una piantagione di marijuana nel Reggino

marijuana vista aereo
Archivio

REGGIO CALABRIA – A seguito di una segnalazione della sezione aerea della Guardia di finanza di Lamezia Terme, che durante una perlustrazione in volo ha avvistato piante di canapa, i finanzieri calabresi del comando provinciale di Reggio Calabria, dopo mirati e specifici servizi di osservazione e appostamento, coordinati dalla Procura della Repubblica di Palmi, hanno proceduto a sequestrare una piantagione costituita da 70 piante, occultate tra la fitta ed alta vegetazione, sita nelle campagne del comune di Candidoni.

La piantagione è risultata in ottime condizioni vegetative, ubicata su due appezzamenti di terreno incolti e prospicienti tra di loro, ed accessibile mediante l’attraversamento di un canale di scolo, le cui acque venivano utilizzate per l’irrigazione manuale delle piante. Le piante sono state estirpate e distrutte.

A Oppido arrestato un uomo per coltivazione di canapa

Nella Piana di Gioia Tauro personale della Polizia di Stato in servizio presso il commissariato di Taurianova e di Gioia Tauro, ha arrestato un 33enne di Oppido Mamertina (Reggio Calabria), per coltivazione di canapa indiana.

L’uomo, in un terreno nella sua disponibilità aveva coltivato circa 18 piante di canapa indiana di altezza compresa tra i 170 e 300 cm. Ieri, a seguito di giudizio direttissimo, l’autorità giudiziaria competente ha convalidato l’arresto sottoponendo l’uomo alla misura cautelare dell’obbligo di presentazione alla polizia giudiziria 4 volte a settimana.