Sbarrano torrente Beltrame a Soverato, denuciate tre persone

torrente Beltrame a SoveratoHanno realizzato uno sbarramento del torrente Beltrame di Soverato, tristemente noto alle cronache per la tragedia che coinvolse il camping “Le Giare” nel 2000. Così tre persone, ritenute responsabili, sono state denunciate dai carabinieri forestali di San Vito sullo Ionio, Catanzaro.

I militari hanno scoperto lo sbarramento artificiale nell’alveo del fiume per la derivazione dell’acqua per scopi irrigui privati, senza alcuna autorizzazione e concessione previste. In particolare, i militari hanno riscontrato che, tramite un escavatore, era stata costituita una barriera all’interno dell’alveo, utilizzando dei massi, e realizzato un canale di derivazione dell’acqua del fiume, lungo circa 20 metri e largo 1,40 metri circa.

Dai rilievi eseguiti e dagli accertamenti di polizia, è emerso che la derivazione si stava realizzando nell’ambito del demanio fluviale in un terreno soggetto al vincolo paesaggistico, interessata di recente anche da lavori di messa in sicurezza da parte della Provincia di Catanzaro, con possibile conseguente pregiudizio della stabilità delle sponde. La denuncia è scattata nei confronti dell’esecutore e del committente dei lavori, oltre che per l’uomo proprietario dell’escavatore che è stato sequestrato.