Il garante per l’infanzia fa fare “pace” alle due professoresse di Paola

Il garante dell'Infanzia della Regione Calabria Antonio Marziale
Il garante dell’Infanzia della Regione Calabria Antonio Marziale

Pace fatta tra le due professoresse che si sono picchiate l’altro giorno in una scuola di Paola? Pare di si. A convincerle il Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza della Regione Calabria, Antonio Marziale, che le ha convocate in audizione dopo il fattaccio accaduto l’altra mattina.

Le due professoresse sono state protagoniste di un violento scontro fisico davanti agli studenti di un Istituto professionale a Paola (Cosenza), pare per antiche ruggini. All’incontro tra Garante e docenti era presente anche il dirigente scolastico, Alisia Arturi. Marziale, durante l’audizione ha notato tra le due donne un “atteggiamento conciliante”.

Il presidente ha comunque condannato l’accaduto come già aveva fatto subito dopo i fatti. Un episodio “che ha minato – è scritto in una nota – alla credibilità della scuola, inficiando quanto pedagogicamente viene fatto in tutti i plessi del Paese per far rientrare un’emergenza educativa che non conosce precedenti, considero positiva la volontà di presentarsi nell’Ufficio del Garante coscienti di essere andate oltre ciò che sono i limiti di un confronto che il ruolo strategico come il loro contempla. Si è trattato di un episodio che rappresenta un pessimo esempio per le masse in età evolutiva, accaduto a due professioniste di lungo corso che fino ad oggi si sono distinte per motivi diversi da quelli che le hanno portate al centro dell’attenzione in questi giorni”.

Dal canto suo, la dirigente scolastica Alisia Arturi, a margine dell’audizione, ha ringraziato “sentitamente” il Garante Antonio Marziale “per l’apertura dimostrata nei confronti della scuola e la disponibilità a verificare personalmente lo svolgimento degli accadimenti”.

Ho motivo – ha spiegato la preside – di ritenermi soddisfatta per l’esito dell’incontro chiarificatore, registrando come l’intervento del Garante abbia contribuito al “ricentraggio” della dignità del ruolo di chi è chiamato a formare i ragazzi”. Il prossimo 24 gennaio, il Garante incontrerà gli studenti del plesso paolano per trattare il tema del ruolo socializzante della scuola.