Blitz contro trafficanti di droga e armi, 4 arresti. Uno è ricercato NOMI/DETTAGLI

Blitz contro trafficanti di droga e armi, 4 arresti. Uno è ricercatoGIOIA TAURO – A conclusione di articolate indagini coordinate dalla Dda presso la Procura della Repubblica di Reggio Calabria, gli investigatori del Commissariato di Gioia Tauro e della locale Squadra Mobile martedì mattina hanno dato esecuzione all’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip presso il Tribunale di Reggio Calabria nei confronti dei seguenti soggetti, ritenuti responsabili, a vario titolo, di associazione a delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti, di diversi episodi di cessione di sostanze stupefacenti e reati in materia di armi.

Si tratta di Vincenzo Condello, nato a Gioia Tauro, il 28.02.1991; Salvatore Infantino, nato a Gioia Tauro, il 02.01.1987; Francesco Iannì, nato a Gioia Tauro il 29.02.1980 e Vincenzo Saverino, nato a Gioia Tauro il 14.11.1983. Un quinto soggetto è attivamente ricercato dalla Polizia.

Le indagini- condotte dal Commissariato di Gioia Tauro e dalla Squadra Mobile di Reggio Calabria nel periodo che va da novembre 2014 a maggio 2015 – hanno consentito di ricostruire la struttura di un sodalizio criminale dedito al traffico di sostanze stupefacenti, con base operativa nel comune di Gioia Tauro; di individuare i componenti dell’associazione, con l’attribuzione specifica di ruoli e compiti;nonché di contestare alcuni reati in materia di armi.

L’attività investigativa – avviata per far luce sulla scomparsa di un giovane di Gioia Tauro (Maurizio Mammoliti), di cui si erano perse le tracce il 31 ottobre 2014 – si incentrava ben presto sulla figura di Vincenzo Condello, cognato del soggetto scomparso, e su altri soggetti frequentati dallo stesso, ossia, Salvatore Infantino, Francesco Iannì e Vincenzo Saverino, attivi nel settore del narcotraffico.

Invero, le attività di intercettazione disposte dalla Dda di Reggio Calabria nel corso delle indagini, portavano alla luce l’esistenza di un’organizzazione criminale dedita in maniera stabile e professionale alle attività di cessione di sostanze stupefacenti di vario genere, dall’hashish alla cocaina, che utilizzava come base operativa per gli incontri con gli acquirenti più fidati, un garage ubicato nel comune di Gioia Tauro.

All’interno di detto immobile,i membri della consorteria criminale nascondevano armi e munizioni, nonché quantitativi di drogadestinati alla cessione agli acquirenti, per come risulta dalle riprese effettuate dalle telecamere autorizzate nel corso delle indagini.

I sequestri di droga (250 grammi di cocaina in una circostanza e 308 grammi di cocaina nell’altra), operati dagli investigatori della Polizia di Stato in due circostanze, ovvero il 10 e l’11 aprile 2015, a carico di due acquirenti, immediatamente dopo la cessione presso il sito di interesse, in combinazione con il rinvenimento, effettuato a seguito di una perquisizione nel predetto garage, di bilancini di precisione e diluenti per la cocaina, corroborava l’assunto che il sito monitorato, nella piena ed esclusiva disponibilità degli indagati, fosse un vero e proprio laboratorio, munito di tutta la strumentazione necessaria per la preparazione delle dosi e per il loro confezionamento, nonché un “esercizio commerciale”, avente quale oggetto sociale lo spaccio all’ingrosso dello stupefacente.

All’interno dell’organizzazione, i ruoli tra sodali erano interscambiabili, atteso che ciascuno aveva possibilità di accedere al sito e di incontrare i clienti ritenuti di particolare affidabilità. Per raggiungere la base operativa dell’organizzazione, i sodali utilizzavano delle Fiat Panda. Da qui il nome dell’operazione.

Nello specifico, a tutti gli indagati viene contestato il delitto di associazione per delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti, per essersi associati al fine di commettere una serie indeterminata di delitti di cessione di sostanze stupefacenti.

A Salvatore Infantino, spiegano gli inquirenti, è attribuito il ruolo di capo e direttore dell’associazione per delinquere; con l’aggravantedell’esserel’associazione armata, atteso che alcuni componenti (Salvatore Infantino e Vincenzo Condello) avevano la disponibilità di armi (dal dicembre 2014, con condotta in atto).

Francesco Iannì, Salvatore Infantino e Vincenzo Saverino, sono accusati di aver ceduto 250 grammi di cocaina ad un acquirente, confezionata in due sacchetti (in data 10 aprile 2015).

A Infantino e Condello è contestata la cessione ad un acquirente di 308,00 grammi di cocaina, contenuta in un panetto confezionato con pellicola trasparente(in data 11 aprile 2015).

Altri quantitativi imprecisati di sostanza stupefacente venivano ceduti, in diverse circostanze a terzi acquirenti da Infantino (in data 9, 14, 19,21, 22, 25 marzo, 8 e 9 aprile 2015), da Infantino e Saverino (in data 13 marzo 2015), da Infantino e Iannì (in data 21 marzo 2015).

A Infantino e Condello, è contestato anche il delitto di detenzione e porto abusivo in luogo pubblico di una pistola (in data 12 dicembre 2014 e 15 gennaio 2015), nonché l’esplosione di numerosi colpi di arma da fuoco (in data 12 dicembre 2014).

Condividi

Rispondi