A Reggio Calabria la nave “Aquarius” con 409 migranti e 9 cadaveri

Dopo la Libia, naufragio di migranti a Creta.
Archivio

REGGIO CALABRIA – Ci sono anche le salme di nove vittime tra il gruppo di immigrati sbarcati venerdì mattina nel porto di Reggio Calabria.

In tutto sono 409 i migranti che sono arrivati in riva allo Stretto a bordo della nave “Aquarius, di “Sos mediterranee”. Tra questi 345 uomini e 59 donne. Sono 87 i minori, 75 dei quali non accompagnati, e tre i bambini al di sotto dei 5 anni.

Le condizioni di salute dei migranti, soccorsi tra lunedì e martedì scorsi in quattro distinte operazioni coordinate dalla Guardia Costiera, sono complessivamente buone anche se molti di loro presentano ustioni, non gravi, da idrocarburi soprattutto negli arti.Numerosi sono i casi di scabbia e di pediculosi.

Ultimate le operazioni di accoglienza e di assistenza predisposte dalla Prefettura di Reggio Calabria, i migranti, in base al Piano di riparto predisposto dal Ministero dell’Interno, saranno trasferiti, oltre che in centri di accoglienza della Calabria anche in Campania, Piemonte, Lazio, Liguria, Lombardia, Emilia Romagna, Toscana, Puglia e Veneto.