Elicottero Nicotera, 6 indagati. Perquisito il sindaco Franco Pagano

Elicottero Nicotera, 6 indagati. Perquisito sindaco Franco Pagano
L’elicottero atterrato in piazza a Nicotera

Sono aumentate le persone indagate a vario titolo per abuso d’ufficio e interruzione di servizio di pubblica necessità nell’inchiesta sull’elicottero atterrato, giovedì 15 settembre scorso, nel centro cittadino di Nicotera con a bordo Antonio Gallone e la consorte Aurora. E’ quanto emerge dal decreto di perquisizione e sequestro della Procura della Repubblica di Vibo Valentia. Si tratta di sei, sette persone.

La prima contestazione è stata avanzata nei confronti del sindaco di Nicotera Franco Pagano, del capo dell’Ufficio tecnico Carmelo Ciampa, del capo della Polizia Municipale, Gregorio Milidoni, e dello sposo, in quanto beneficiario. Coinvolti anche Salvatore Delfino, 37 anni, titolare di un’attività di noleggio auto, Enrico Abagnale, di 54 anni, l’elicotterista al funerale di Vittorio Casamonica e il pilota Giovanni Contieri, amico e collega di team di Abagnale che quel giorno era ai comandi del velivolo mentre il pilota dei Casamonica dava “una mano” da terra avendo la licenza sospesa dopo i fatti di Roma.

Il pm di Vibo, Michele Sirgiovanni, contesta ai tre pubblici ufficiali una condotta finalizzata alla violazione del codice della navigazione.

Il caso ha sollevato un vespaio di polemiche in tutta Italia, diventando virale sui social network. A seguito del fatto, molti sospetti sono finiti sul sindaco di Nicotera che non solo sapeva, ma avrebbe partecipato anche al banchetto nuziale della coppia.

Nel caso c’è entrata anche l’Antimafia di Catanzaro che sta spulciando tra i circa 600 invitati, tra cui vi sarebbero alcuni affiliati al potente clan di ‘ndrangheta dei Mancuso. La prefettura di Vibo, concluso l’accesso antimafia, già precedente, in comune, ha chiesto al Viminale lo scioglimento per mafia dell’ente guidato da Pagano.

Condividi